Tajani: “M5s-Lega sbruffoni in Italia e ‘manzi’ a Bruxelles”

Il Governo si comporta come Renzi. "Una volta Juncker mi disse: perché Renzi in Italia dice sempre no e quando viene qua dice sempre sì?”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io ancora presidente del Parlamento europeo? E perché no? Vogliamo avere un po’ di italiani sui posti che contano oppure no? Potrebbe essere che quando e se toccherà al Ppe mi ricandido, e ci sono buone possibilità per essere di nuovo io il Presidente del Parlamento europeo”. Così Antonio Tajani, Presidente del Parlamento europeo, al programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora. Lei in Europa va più d’accordo con la Merkel o con Juncker? “Forse più con la Merkel”.
Come vede la situazione dell’Italia in Europa? “L’Italia si è un po’ isolata, non credo serva insultare tutti e poi al primo starnuto scappare a gambe levate”.

Si dice sia un atteggiamento muscolare, quello dell’attuale governo. “L’atteggiamento muscolare bisogna esser in grado di esercitarlo anche quando si va lì. Se ce l’hai soltanto a casa tua…Bisognava parlare di meno e fare di più, era un po’ quello che faceva Renzi. Una volta Juncker mi disse: perché Renzi in Italia dice sempre no e quando viene qua dice sempre sì?”

Eppure l’atteggiamento dell’Italia, rispetto all’Europa, pare sia molto diverso. “Assolutamente no – ha concluso a Un Giorno da Pecora – sbruffoni in Italia e molto manzi a Bruxelles”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»