Turismo, Romagna vince su Emilia: Vale 8 visitatori su 10

RIMINI – Dei circa 40 milioni di turisti che nel 2017 hanno visitato l’Emilia-Romagna, circa 31 milioni hanno preferito i territori della ‘Destinazione Romagna’: le province di Rimini, Ravenna, Forli’-Cesena e Ferrara. Con il riminese a staccare tutti con quattro presenze su 10. Come sottolinea il sindaco di Rimini Andrea Gnassi commentando questa mattina con la stampa i dati dell’Istat e dell’Osservatorio regionale, la Destinazione Romagna pesa per oltre il 77% delle presenze. Non solo. Se la permanenza media in Emilia varia dagli 1,9 giorni di Piacenza ai 2,4 di Parma, in Romagna si va dai 4,3 di Ravenna ai 4,9 di Ferrara.

Piu’ nello specifico della provincia di Rimini, il 2017 si chiude con quasi 3,6 milioni di arrivi, di cui oltre 740.000 esteri, per un rialzo del 4,2%; e 16 milioni di pernottamenti, di cui 3,8 stranieri, per una crescita del 2,5%. Perfomance migliori nel Comune capoluogo, con gli arrivi in crescita del 5,1% e le presenze del 4%; e a Misano Adriatico, 4,1% e 4,9%. Riccione si ferma rispettivamente a 3,9% e allo 0,7%. In territorio positivo anche le statistiche relative agli stranieri, con arrivi in rialzo del 4,2% e presenze del 4,7%. 

In particolare ne beneficia Rimini dove gli aumenti sono del 6,8% e del 7,9%, con tre pernottamenti su 10 non di lingua italiana. Mentre soffre la Perla Verde, con cali rispettivamente dell’1,6% e del 2,7%. A farla da padrona i russi, con incrementi intorno al 20%: a Rimini cosi’ superano le presenze di tedeschi, 468.426 rispetto a 424.086. Dalla Germania le presenze crescono del 4,5% e gli arrivi del 2,7%; e dalla Polonia del 4,3% e del 13,7%.

5 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»