San Marino

Un’antica ghiacciaia e cunicoli emergono sotto il Borgo Maggiore

SAN MARINO – Tracce dell’antico insediamento urbano di Borgo Maggiore sono emerse dal cantiere aperto in centro storico per il rifacimento dei sottoservizi, chiamando in causa la Commissione monumenti e i Musei di Stato. Dopo una breve sospensione dovuta al ritrovamento di manufatti secolari, i lavori sono ripresi in settimana e saranno d’ora in poi presieduti da Paola Bigi, responsabile dei Musei di Stato.

San Marino_scavi_borgo maggiore

L’associazione culturale “Noi per il Borgo” annuncia in dettaglio il ritrovamento di un’antica ghiacciaia e di un pozzo in arenaria, di una serie di cunicoli in pietra e coperture con lastre infine di muretti a secco stondati “forse parte di antichi condotti o abitati del X secolo”. L’associazione auspica poi che con l’avvio della campagna scavo non si proceda solo alla mappatura dei reperti, ma anche “ad un recupero integrato per rendere visibile a tutti in modo permanente la storia di questo luogo”.

Secondo “Noi per il Borgo” l’intera piazza Grande, le vie superiori come anche piazza di Sopra, alcuni metri al di sotto del piano stradale, potrebbero infatti essere percorse da cunicoli, cantine, e antiche mura non ancora databili. Si tratta di “una grande occasione- spiega- per rivalutare e riqualificare Borgo Maggiore unico Borgo Unesco in Repubblica”. Auspica invece che si dia avvio ad un lavoro di squadra che miri alla salvaguardia dei manufatti “fuori dai sensazionalismi”, il direttore degli Istituti Culturali, Paolo Rondelli.

San Marino_scavi_borgo maggiore2

5 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»