Sanità. Telesca: "Definite reti per cure palliative e terapia del dolore" - DIRE.it

Friuli Venezia Giulia

Sanità. Telesca: “Definite reti per cure palliative e terapia del dolore”

SALUTE- TELESCATRIESTE – La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell’assessore alla Salute e integrazione socio-sanitaria Maria Sandra Telesca, ha approvato il documento “La rete per le cure palliative e la rete per la terapia del dolore della Regione Friuli Venezia Giulia”, contestualmente al recepimento dei due accordi e dell’intesa stipulati sulla materia tra Governo, Regioni e Province autonome.

Il documento stabilisce le caratteristiche della rete regionale e delle reti locali delle cure palliative e della terapia del dolore, il modello organizzativo e i requisiti delle reti locali, le modalità di presa in carico dalla rete locale delle cure palliative e i criteri di accesso ai nodi della rete della terapia del dolore. Vengono inoltre definite la formazione del personale sulla materia e gli indicatori per il monitoraggio del funzionamento e dello sviluppo delle reti locali.

Il documento, elaborato da un gruppo tecnico costituito  da professionisti del servizio sanitario regionale e condiviso lo scorso 3 dicembre dai direttori sanitari, è coerente con l’accordo tra governo, Regioni e Province autonome del 16 dicembre 2010, seguito dall’intesa del 25 luglio 2012 e da un successivo accordo del 10 luglio 2014 in cui si sono via via indicate, in chiave di armonizzazione nazionale, le linee guida sulla materia, i requisiti minimi e le modalità organizzative per l’accreditamento delle strutture di assistenza rivolte ai malati terminali e delle unità di cure palliative e terapia del dolore e, da ultimo, le figure professionali e le strutture competenti.

La delibera approvata oggi dalla Giunta regionale dà mandato alla direzione regionale centrale Salute di costituire il coordinamento regionale per le cure palliative e la terapia del dolore, nel quale sarà presente una rappresentanza delle figure professionali coinvolte.

 

5 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»