AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

Carceri, Antigone: Contro radicalizzazione applicare gli standard del consiglio Ue

ROMA – “Nella conferenza stampa di stamattina il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il ministro degli Interni Marco Minniti sono tornati sull’argomento radicalizzazione nelle carceri, relativamente al terrorismo di matrice islamica. Piu’ volte abbiamo avuto modo di ribadire come il rischio radicalizzazione si combatta solamente attraverso l’applicazione degli standard internazionali del Consiglio d’Europa e cioe’ attraverso il riconoscimento dei diritti religiosi, di quelli degli stranieri, da accompagnare ad una costante informazione, possibile solo attraverso un staff specifico fatto di mediatori culturali e linguistici”.

Ad affermarlo e’ Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, secondo cui “ad oggi, anche nei reparti dove sono reclusi detenuti sospettati di terrorismo di matrice islamica, nessun operatore parla e legge l’arabo, vivendo cosi’ nell’impossibilita’ di capire e dialogare con queste persone”. “Inoltre – continua -, salvo rarissime circostanze, gli Imam non sono abilitati ad entrare negli istituti di pena italiani. Questo porta i detenuti stessi a scegliere tra loro chi debba guidare la preghiera, senza alcuna garanzia rispetto a quanto viene professato.

La presenza del ministro di culto darebbe invece la possibilità di portare nel carcere un Islam aperto e democratico. In tal senso abbiamo apprezzato la decisione del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria di affidare al vice-presidente dell’UCOII dei corsi per il personale di polizia penitenziaria”. I detenuti presenti al 31 dicembre 2016 erano 54.653, di questi 18.958 stranieri. Coloro che si sono dichiarati di religione islamica sono circa 6 mila. Continua Gonnella: “La Camera ha gia’ approvato il Ddl di riforma dell’ordinamento penitenziario dove si riconosce uno spazio ad hoc per la libertà di culto e vengono previsti una serie di diritti per i detenuti stranieri. Disegno di legge attualmente al Senato che, piu’ volte, abbiamo sollecitato per un’immediata approvazione”. E conclude: “Va evitata la segregazione che crea rafforzamento radicalizzazione. Va evitata la sindrome della vittimizzazione. Va evitata la stigmatizzazione degli islamici che produce violenza e ulteriore radicalizzazione. Va evitato un sistema penitenziario affidato solo ai servizi di sicurezza. Vanno previsti programmi sociali di deradicalizzazione“.

(www.redattoresociale.it)

05 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988