Manovra, Romeo (Lega): “Ok accordo con Ue se ci viene incontro”

Massimiliano Romeo, Presidente dei Senatori della Lega, in un'intervista rilasciata all'Agenzia di Stampa Dire.

ROMA – Sulla manovra alla fine sarà accordo tra Governo italiano e Commissione europea? “Sono ottimista nella misura in cui credo e mi auguro che l’Europa venga incontro anche alle richieste che fa il Governo italiano– risponde Massimiliano Romeo, Presidente dei senatori della Lega intervistato dall’agenzia Dire-, perché se trovare l’accordo con l’Europa significa fare tutto quello che ci chiedono la vedo abbastanza difficile; se invece c’è una volontà di trovare una mediazione, siamo disponibili a dialogare” sottolinea il capogruppo della Lega al Senato.

LEGGI ANCHE Sicurezza, Romeo (Lega): “L’Italia non è diventata più razzista

“E’ chiaro che non possiamo rinunciare a quelli che sono i nostri cavalli di battaglia, almeno per quanto riguarda la Lega, la riforma della legge Fornero, la flat Tax, il sostegno alle partite Iva e ai professionisti, lo sconto che facciamo sull’Ires. Per i 5 Stelle ovviamente c’è il tema del reddito di cittadinanza, noi non possiamo tornare indietro su questi principi, perché sono quelli che il popolo ci chiede, il motivo per cui siamo stati votati. Poi se si tratta di sistemare qualche decimale penso che da questo punto di vista ci sia la responsabilità da parte di tutti gli attori del Governo a trovare una soluzione positiva”.

Legge Fornero e quota 100, per le opposizioni la platea degli aventi diritto si sta ridimensionando… “Su quota 100- prosegue Romeo- assolutamente no, la platea è sempre la stessa, solo che poi gli uffici tecnici, fatte tutte le valutazioni, hanno detto che forse ci vuole qualche soldo in meno. Ma rispetto alle 477mila persone che potrebbero usufruire di questa misura non c’è nessun passo indietro. Anche sul tema del reddito di cittadinanza non c’è nessuna volontà di cambiare le regole, certo se una parte di questo reddito fosse utilizzato, come suggeriamo noi della Lega ai nostri partner di Governo, per aiutare e sostenere l’impresa affinché formi un futuro lavoratore allora questo sarebbe sicuramente visto in maniera più positiva dall’Europa e si tramuterebbe in una sorta di sgravio più che una spesa assistenziale come qualcuno la vuole chiamare. Questa potrebbe essere una strada, almeno una parte, poi non dimentichiamo che una forma di sostegno al reddito, su cui tanto oggi si fa ironia, era prevista in tutti i programmi elettorali di tutte le forze politiche che si sono presentate alle elezioni del 4 marzo, quindi fa un po’ specie che ci attacchino e che attacchino il governo su questo fronte”.

Centrodestra, Romeo (Lega): “Governo durerà a lungo”

I sondaggi noi li guardiamo poco, anche perché non ci fidiamo molto, anzi, forse li stanno un po’ gonfiando apposta per mettere in difficoltà i nostri partner di Governo” sottolinea Massimiliano Romeo, commentando le dichiarazioni del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, sulla possibile alleanza per un nuovo Governo, post elezioni europee, fra centrodestra e Lega.

“Conosco Matteo Salvini, leader della Lega, e so che quando prende un impegno lo rispetta. Ha preso un impegno con i cittadini per formare un governo con il M5S, molto diverso da noi e con tutte le difficoltà che possono derivare, ma, ripeto, conoscendo Salvini, che lui questo impegno lo vuol mantenere fino alla fine. Credo che questo governo andrà avanti a lungo… poi in politica tutto può accadere, ma da parte nostra c’è la volontà di onorare quanto promesso ai cittadini”.

Quanto alle prossime elezioni regionali… “Chiaramente la Lega- prosegue- oggi viene vista come una forza di governo responsabile, deve avere l’obiettivo di conquistare qualsiasi regione. Una volta pensavamo solo alle regioni del nord poi si sono cominciati ad aprire degli spazi al centro, ma anche a sud. Noi non dobbiamo porci dei limiti, dobbiamo correre, ovviamente guardando a tutte le realtà, poi certo che la partita se ce la giochiamo la vogliamo giocare per vincere questo è evidente, poi succederà quel che succederà. Saranno gli elettori a decidere– conclude- tenendo presente che, a livello territoriale, noi manteniamo vivo questo rapporto con il centrodestra perché è un rapporto che negli anni ci ha consentito di governare tanti comuni, tante regioni e di farlo anche bene”.

Leggi anche:

4 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»