In Liguria nel 2017 tre piromani su quattro la fanno franca - DIRE.it

Liguria

In Liguria nel 2017 tre piromani su quattro la fanno franca

GENOVA – In Liguria solo un piromane su quattro è stato individuato nel corso del 2017 dal reparto forestale dei Carabinieri.

Su 270 notizie di reato, infatti, i responsabili accertati sono stati solo 68, tra incendi dolosi, colposi e seriali.

A ciò si aggiungono circa 70.000 euro di contravvenzioni che corrispondono al totale delle sanzioni amministrative fin qui elevate da inizio anno.

La convenzione tra nucleo forestale dell’Arma dei Carabinieri e Regione Liguria

I dati sono stati forniti oggi dal generale Renzo Morolla, comandante Regione Carabinieri Forestale Liguria, a margine del rinnovo della convenzione tra nucleo forestale dell’Arma dei Carabinieri e la Regione Liguria per la prevenzione, il monitoraggio del territorio ai fini dell’antincendio boschivo, la raccolta dati sugli incendi e lo svolgimento delle indagini.

La nuova convenzione, che sarà siglata prossimamente dal ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, avrà durata triennale. Per il primo anno, la Regione si impegna a offrire gratuitamente i locali che ospitano le sedi provinciali dei gruppi dei Carabinieri Forestali di Genova, La Spezia e Savona, oltre ai servizi di pulizia, tecnologici e termoregolazione per le medesime sedi e per le sedi di Imperia e del Comando regionale dei Carabinieri Forestali.

Inoltre, la convenzione prevede la fornitura da parte dei Carabinieri dei dati degli incendi boschivi, la sorveglianza del territorio, il raccordo con la Sala operativa regionale dell’antincendio boschivo e l’utilizzo, da parte della Regione Liguria per il rifornimento di carburante dei propri elicotteri, delle strutture di Borghetto Vara (SP) e Villanova d’Albenga, diventate di proprietà del corpo forestale dei Carabinieri. Infine, è previsto anche che il Corpo dei Carabinieri dia supporto alla Regione alle attività di censimento degli alberi monumentali e al servizio regionale di vigilanza faunistico-venatoria.

“Questa convenzione è la prosecuzione di un rapporto di collaborazione che c’è sempre stato fra il disciolto Corpo forestale dello Stato e la Regione- commenta il comandante generale del nucleo tutela forestale dei Carabinieri, Antonio Ricciardi- il settore dell’antincendio boschivo da quest’anno è ripartito tra le competenze estive dei Vigili del Fuoco e le competenze che riguardano la prevenzione, le predisposizioni e soprattutto dopo il repertamento e la repressione degli illeciti”.

L’assessore regionale all’Agricoltura, Stefano Mai, sottolinea che la Regione “ha intenzione di continuare a collaborare con i Carabinieri forestali in questa nuova veste nella tutela del nostro patrimonio boschivo e delle nostre realtà. Oggi ci siamo incontrati e abbiamo discusso su quali possono essere i punti principali sui quali basare la nostra attenzione per il 2018. Già molte sono le attività che stanno facendo per Regione Liguria, dai censimenti, dalle verifiche delle aree percorse dagli incendi, dalle statistiche sulle aree agro-silvo-pastorali”.

Le fiamme

Da gennaio a settembre 2017, in Liguria si sono complessivamente registrati 436 incendi di cui 339 boschivi, per un totale di oltre 5.000 ettari quasi interamente boschivi, per una media di 14,6 ettari a incendio.  Di questi, oltre 3.700 ettari sono attribuibili agli eventi ravvicinati dello scorso gennaio.

Negli ultimi 5 anni la media annua è stata di 205 incendi boschivi per 793 ettari e una superficie media per ciascun incendio di 3,9 ettari.

4 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»