Friuli Venezia Giulia

Salva la Prefettura di Pordenone, Serracchiani: “Bene, in questo momento serve massima sicurezza”

PORDENONE – “Il Governo ha ascoltato le nostre ragioni e ha risposto positivamente, come ci attendevamo”. Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, a proposito della decisione del Governo di rinviare lo schema di Dpr in base al quale la prefettura di Pordenone doveva essere abolita, assieme ad altre 22 prefetture nel resto d’Italia.

serracchiani

“Sono stati coinvolti e vanno ringraziati il Presidente del Consiglio e il ministro Boschi- ha spiegato Serracchiani- oltre naturalmente al ministro Alfano, con il quale recentemente avevo nuovamente affrontato la questione di Pordenone durante un incontro”.
Per Serracchiani “la permanenza in attività della prefettura di Pordenone sul territorio è particolarmente significativa in un momento in cui i livelli di sicurezza devono essere garantiti al massimo. Altrettanto importante e’ il ruolo di coordinamento rispetto alla gestione dei profughi”.

“Eravamo molto fiduciosi- ha sottolineato il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello- In questi mesi abbiamo lavorato intensamente per ottenere questo risultato. Guardiamo ora al futuro con fiducia e ottimismo e anche con la consapevolezza di aver ben operato a vantaggio del nostro territorio, perché questo significa mantenere i presidi provinciali dei corpi intermedi dello Stato“.

“E’ il risultato eccellente di un lavoro di squadra raggiunto in particolare per la determinazione e l’impegno della Regione. La presidente ed io siamo stato in prima linea su questa vicenda e ora- ha concluso- possiamo esprimere soddisfazione”.

4 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»