Politica

Di Battista come De Luca: “Faraone? Un personaggetto”. E giù le critiche contro la riforma della scuola – VIDEO

Alessandro Di Battista come Enzo De Luca. Il deputato del Movimento 5 stelle prende a prestito una espressione diventata famosa, usata dal presidente della Regione Campania, per sferrare una dura critica al governo sul fronte scuola. E nel mirino finisce in particolare il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone “un personaggetto” con “poco intelletto”. Durante un incontro alla Camera del Movimento 5 stelle con i docenti esclusi dalla Riforma della buona scuola del governo Renzi, Di Battista osserva: “Forse la piu’ grande vittoria del sistema e’ quando ci impone di dare la responsabilita’ o la colpa a quello che ci sta sotto, a quello che ci sta a destra, a quello che ci sta a sinistra e mai a quello che ci sta sopra, che non e’ il Faraone di turno. Sarebbe anche riduttivo prendersela con dei ‘personaggetti’ cosi’ poco strutturati dal punto di vista intellettuale…”. 

Di Battista continua: “Quello che ci sta sopra e’ un sistema che vuole che la scuola sia sempre piu’ a immagine e somiglianza di un’industria, cosi’ puo’ essere controllato perche’ la logica e’ il profitto elevato a valore. Una cosa che ho visto, e su cui gioca regolarmente il sistema, e’ spingere affinche’ vi sia una guerra tra poveri, in tutte le categorie, costantemente, tra le categorie delle forze dell’ordine e anche dei docenti”. Il metodo del ‘sistema’, conclude Di Battista, e’ il seguente: “Concentrarci su un avversario che sta sempre sopra, non sta mai di fianco. Se iniziamo a pensare che qualcun altro come noi ha avuto garantito un posto che noi non abbiamo ancora garantito, stiamo facendo il migliore favore ai Faraone, alle Giannini ai Renzi di turno, a coloro che sono decisamente piu’ importanti e che muovono i fili di questi personaggi davvero poco dignitosi dal punto di vista politico”.

4 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»