Ambiente

Enel green power ‘elettrifica’ a zero emissioni 100 villaggi in Kenya

enel green powerEnel Green Power ha avviato la collaborazione con la societa’ statunitense Powerhive, uno dei principali fornitori e sviluppatori di soluzioni mini-grid, per costruire e gestire mini-grid in 100 villaggi in Kenya. Il progetto prevede un investimento, nel corso del 2016, di circa 12 milioni di dollari, al 93% erogato da Egp (11,16 milioni) e al 7% da Powerhive.

Il progetto, sviluppato da Powerhive, si compone di un portfolio di mini-grid solari con una capacita’ totale installata di 1 MegaWatt, da costruire nella parte occidentale del Kenya, nelle contee di Kisii e Nyamira, e portera’ energia “a zero emissioni” a 20 mila famiglie, piccole imprese, scuole e centri di assistenza sanitaria, alimentando e connettendo alla rete quasi 90mila persone. L’integrazione di mini-grid con impianti di stoccaggio di energia “consentira’ di equilibrare l’offerta e la domanda, in modo da ridurre la volatilita’ e compensare le variazioni di carico del cliente e le imprevedibili fluttuazioni nella produzione di energia, intrinseche nella generazione da fonti rinnovabili”.

“L’abbondante e variegato mix di tecnologie rinnovabili del Kenya offre una piattaforma del tutto unica per lo sviluppo del business di Enel Green Power in Africa- spiega Francesco Venturini, amministratore delegato di Enel Green power- il Kenya presenta un basso tasso di elettrificazione, ancora pari a circa il 30%, e uno dei piu’ alti tassi di penetrazione della telefonia mobile della regione: un connubio ideale per implementare soluzioni innovative in grado di integrare l’elettrificazione delle zone rurali con la generazione da fonti rinnovabili, con impianti di stoccaggio cosi’ come con sistemi di fatturazione avanzati”. Il progetto fornira’ inoltre ai clienti “un sistema di pagamento piu’ semplice e affidabile attraverso l’adozione di una applicazione mobile con pagamento anticipato e attraverso la piattaforma di gestione delle mini-grid di Powerhive”. La necessita’ dell’Africa di accedere all’elettricita’ e’ consistente, visto che, secondo i dati dell’Agenzia internazionale per l’energia, piu’ di 620 milioni di persone nel continente ne sono ancora prive. La poverta’ energetica condiziona la salute, limita le opportunita’ di sviluppo, di istruzione e la possibilita’ di uscire da uno stato di indigenza. Per i paesi emergenti, l’accesso all’elettricita’ e’ una fonte di crescita, un pre-requisito per avere ampia disponibilita’ di beni e servizi e pone le basi per lo sviluppo delle persone e delle comunita’. “In linea con l’impegno di Enel verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni unite- conclude la nota- Egp e’ fortemente attiva nel promuovere una strategia piu’ ampia di elettrificazione off-grid che contempla vari progetti in Africa, America Latina e Asia”.

4 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»