Elezioni, Adesso.sm: “Noi siamo la risposta per il Paese”

adesso-sm

SAN MARINO – Giovani, determinati, già con esperienze e ruoli di primo piano nel partito o nelle istituzioni. Calano i propri tre assi nella manica le liste di Adesso.sm, Rf-C10-Ssd, per aprire la campagna elettorale in vista dell’appuntamento alle urne del prossimo 20 novembre. Dal Best Western Palace Hotel di Serravalle, di fronte a una sala piena di sostenitori, Matteo Fiorini, Matteo Ciacci e Vanessa D’Ambrosio aprono le danze dei prossimi 15 giorni di impegno elettorale. Il primo a prendere il microfono e parlare alla platea è Fiorini, a lui il compito di difendere Repubblica Futura, e in particolare Ap, accerchiata dagli attacchi degli ex alleati per aver determinato la caduta dell’esecutivo, e nel mirino degli avversari di sempre, per essere stata forza di governo nelle ultime legislature. “Abbiamo dovuto fare compromessi per governare e riuscire a cambiare il Paese“, ammette. Ma “non li abbiamo mai fatti- puntualizza subito dopo- sui pilastri fondamentali su cui Alleanza popolare è nata”. E così oggi “c’è una magistratura autonoma- sottolinea- la devastazione del territorio si è arrestata, il sistema economico finanziario- prima piratesco- è diventato trasparente e leggibile all’esterno, il Paese è considerato virtuoso”. Tutto questo è per Fiorini “frutto di un lavoro instancabile che la presenza di Ap al governo ha contribuito a realizzare”. E oggi per la prima volta, assicura, c’è l’opportunità di cambiare San Marino perché “i poteri che l’hanno rovinato negli anni ’90 sono tutti dalla stessa parte”. Adesso “si può procedere al cambiamento con la testa- conclude Fiorini- non con la pancia”.

L’urgenza del cambiamento è rimarcata anche da Ciacci: la stessa coalizione deve essere consapevole, manda a dire, che la distanza tra cittadini e politica è giunta ad un punto di non ritorno. “Siamo ad un bivio- ammonisce- o la politica cambia e torna ad essere credibile e autorevole, o anche noi saremo come gli altri”. Quindi ai cittadini, tra le piazze, negli incontri pubblici “dobbiamo dire che Adesso.sm vuole cambiare il paese sul serio e nessun altro può farlo come noi”. Infatti, guardando alle coalizioni avversarie, Ciacci osserva che “chi ha governato prima di noi ha fallito” e dall’altra parte “c’è chi non lo vuole cambiare, dice di volerlo fare, ma non ne ha voglia davvero”. A Vanessa D’Ambrosio spetta raccontare la nascita di Ssd, gli ostacoli, il percorso “non scontato” di portare in un’unica casa “le esperienze migliori della sinistra riformista e democratica sammarinese”. E ancora: “Ci sminuiscono dicendo che la nostra lista serve solo per queste elezioni- stigmatizza- ma hanno torto marcio, l’unità della sinistra è il nostro obiettivo e nessuno riuscirà a fermarci”. Quindi lancia un appello a tutta la coalizione: “Sarà una campagna elettorale dura– avvisa- ma noi non ci abbasseremo mai a certi livelli, perché abbiamo un progetto che fa la differenza per il Paese”. Infatti, “siamo noi la risposta per San Marino- conclude- perché non ci siamo appiattiti con chi vuole seguire la politica anni ’90 attraverso un’operazione nostalgia, e non ci siamo appiattiti su chi urla, ma non riesce dare risposte”.

4 Nov 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»