Giovani

Giornalismo, dal 9 luglio a Roma parte la Summer School dell’Agenzia Dire

ROMA – L’agenzia di stampa Dire apre le porte della sua redazione ai giovani curiosi di giornalismo. Dal 9 al 13 luglio parte la Summer school rivolta a ragazzi dai 16 ai 19 anni, un’iniziativa promossa da Diregiovani e collegata al progetto ‘La Scuola Fa Notizia‘.

Per cinque giorni gli studenti si immergeranno nel mondo dell’informazione, tra esercitazioni pratiche e lezioni teoriche con i giornalisti dell’agenzia Dire e altri professionisti del settore. Un ricco programma che approfondirà tutte le forme di giornalismo, dal web, con Marco Pasqua del Messaggero.it, al fotogiornalismo, con Camillo Pasquarelli e Marco Di Meo.

Nuove frontiere della comunicazione e strumenti più tradizionali come la carta stampata, presentata da Francesca Schianchi de ‘La Stampa’ e Vincenzo Bisbiglia de ‘Il Fatto Quotidiano’, ma si parlerà anche di giornalismo televisivo e comunicazione culturale con Lucia Ritrovato, Responsabile comunicazione strategica della Fondazione Musica per Roma-Auditorium Parco della Musica. Spazio anche alla comunicazione istituzionale con Alessandra Migliozzi, capo ufficio stampa del ministero dell’Istruzione.

Oltre alle ore in redazione, il workshop prevederà anche delle esercitazioni pratiche e dei lavori da svolgere in autonomia, per un totale di 40 ore di attività valide per l’alternanza scuola-lavoro e come stage. La partecipazione è gratuita.

La Summer school di Roma riceverà il testimone da Bologna, dove è in corso l’edizione del nord Italia nella sede di Dynamo, la velostazione della città. Poi sarà la volta di Napoli, dove la Summer school sbarcherà dal 16 al 20 luglio presso il liceo Quinto Orazio Flacco di Portici.

Per partecipare non è richiesta alcuna formazione specifica. Unici elementi indispensabili sono uno smartphone o un tablet per le esercitazioni pratiche, e una buona dose di curiosità.

4 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»