Toscana

Firenze, antenna Wind sul Duomo sarà ridotta

firenze_antenna4FIRENZE – L’antenna Wind sul tetto di Eataly, che si ‘intrufola’ nello skyline di Firenze, tra la cupola del Brunelleschi e il campanile di Giotto “non è una bella cosa”. Febbraio 2016, così il sindaco Dario Nardella commentò la scoperta portata alla luce da Tommaso Grassi, il consigliere di Sinistra italiana capogruppo di Firenze riparte a sinistra. Quattro mesi dopo, la possibile svolta: un’antenna più bassa, meno larga, quindi meno impattante; ma anche mimetica grazie ad una nuova colorazione. Ad annunciare il nuovo vestito del ripetitore per la telefonia mobile finito nell’occhio del ciclone è Alessia Bettini, l’assessore all’Ambiente e al Decoro urbano, durante i lavori del Consiglio comunale.
“La Wind- spiega in aula- ha presentato una soluzione tecnica in cui si propone la riduzione della palina porta antenna”, quindi un “ridimensionamento dell’altezza”. Si parla, spiega Bettini alla ‘Dire’, di una riduzione “di circa il 50% dell’altezza. Tre, quattro metri in meno” sugli otto totali. Non solo, la Wind, prosegue in Consiglio “ha proposto l’eliminazione di un pannello”, così da rendere l’impianto più raccolto e “una nuova tinteggiatura della struttura in tono con il contesto in cui è collocata”.

A questo punto la palla passa alla direzione ambiente di Palazzo Vecchio “che sta valutando la proposta, verificandone la compatibilità con la normativa vigente”. Dovesse sfumare questo possibile accordo il Comune “procederà per le vie legali per la rimozione”. Ipotesi lontana attualmente visto che l’exit strategy proposta dalla Wind, conclude Bettini, “potrebbe essere effettivamente una soluzione adeguata”. Gli sviluppi, tuttavia, non soddisfano appieno Tommaso Grassi che alla giunta propone una soluzione più radicale: “Prima di discutere di soluzioni o alternative è necessario che il Comune abbatta quell’antenna, che è un vero e proprio obbrobrio, un pugno negli occhi per Firenze”.

4 luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»