Welfare

Bernini (M5s): “Basta soldi ai circhi con animali, li maltrattano”

circo_tendone

ROMA – “Perseguirò il mio obiettivo, che è quello di bloccare i finanziamenti ai circhi con animali. E’ inaccettabile che lo Stato provveda al sostentamento di strutture nelle quali è costante la verifica del mancato rispetto delle normative e del rispetto dovuto agli animali”. Lo dice il deputato del M5S, Paolo Bernini, in seguito a segnalazioni dei cittadini per presunti maltrattamenti agli animali. “Grazie all’ausilio e alla collaborazione dei Carabinieri, dei medici veterinari e delle associazioni animaliste- dice Bernini- ho potuto constatare, in un discreto numero di strutture circensi, la totale assenza del rispetto dei criteri stabiliti dalla Commissione scientifica Cites per la detenzione degli animali esotici e della normativa vigente. Gli animali sono infatti costretti in gabbie anguste e poste sull’asfalto, senza alcun arricchimento ambientale, spesso senza acqua e in camion fatiscenti, privi di adeguati sistemi di areazione e talvolta tanto insicuri da costituire un pericolo anche per l’incolumità pubblica”.

tigre_polizia postale_boInoltre, i medici veterinari “hanno verificato in numerosi circhi che l’alimentazione dei grandi felini è del tutto inadeguata e priva del fabbisogno nutrizionale dovuto- prosegue il grillino- il che, associato alla deprivazione di spazi e della possibilità di movimento per gli animali, determina una evidente condizione di maltrattamento, anche a seguito della privazione delle naturali esigenze socio etologiche degli stessi”. Sono state inoltre “rilevate gravi violazioni della normativa Cites- aggiunge Bernini- inclusa la mancata applicazione del microchip obbligatorio. Mi chiedo come sia possibile che finora nessuno, tra le istituzioni preposte ai controlli e all’applicazione della normativa, avesse rilevato un dettaglio tanto importante quanto dovuto”.

4 luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»