Energia, tre aziende consorzio italiano biogas finaliste a Birmingham

impBiogasROMA – Le migliori pratiche per la produzione di biogas in agricoltura parlano italiano. Ci sono anche tre aziende agricole associate al Cib, Consorzio italiano biogas, tra i finalisti degli Ad & Biogas Industry Awards di Birmingham, uno degli appuntamenti più importanti al mondo per il settore della digestione anaerobica. Il premio, che valorizza le aziende e le persone distintesi nel Regno Unito e in tutto il mondo per la sostenibilità nell’utilizzo della tecnologia degli impianti di digestione anaerobica, verrà consegnato il prossimo 6 luglio.

L’azienda agricola Sant’Aniello appartenente alle Fattorie Garofalo (Caserta), è tra i 4 finalisti internazionali nella categoria relativa alla valorizzazione del digestato (Making the most of digestate).

La Agri Power Plus di Latina e la Cooperativa La Speranza di Candiolo (Torino) sono, invece, in finale per il riconoscimento come miglior impianto agricolo internazionale (Best International Agricultural Plant). “Il biogas italiano in agricoltura rappresenta un’avanguardia sotto molti aspetti. L’Italia è il terzo produttore al mondo, dopo Germania e Cina, ma l’innovazione principale data dagli imprenditori italiani risiede nella capacità di integrare la produzione di rinnovabili (elettricità, calore e biocarburanti), con le attività agroalimentari, che grazie alla digestione anaerobica in questo accrescono la propria competività economica e ambientale, in un periodo di tensioni al ribasso dei prezzi dei prodotti agricoli- dice Piero Gattoni, presidente del Cib- questo riconoscimento internazionale conferma il percorso virtuoso che abbiamo intrapreso con il modello del ‘Biogasfattobene’. Siamo molto orgogliosi del lavoro svolto dalle nostre aziende associate, che ci aiutano, in occasioni come questa, a comunicare l’eccellenza del modello di biogas made in Italy nel resto del mondo”.

4 Lug 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»