Ambiente

Maltempo, Coldiretti: “Tempeste di grandine sui campi e aziende sott’acqua”

maltempo

ROMA – “Tempeste di grandine si sono abbattute sui campi di frumento, mais e soia ma sono andate distrutte anche le coltivazioni di ortaggi come zucchine, fagioli, piselli e frutta pronti alla raccolta vanificando il lavoro di un intero anno”: è quanto emerge dal primo monitoraggio della Coldiretti sui danni provocati in Veneto dal maltempo che si è manifestato con violente grandinate, forti temporali ed una tromba d’aria a Chioggia. “L’andamento schizofrenico del tempo con il sole che si alterna ad acquazzoni- sottolinea l’associazione agricola- non concede il tempo ai terreni d assorbire l’acqua lasciando bagnate le piante di grano che a causa del ristagno d’acqua subiscono attacchi fungini. Decine di aziende agricole sono finite sott’acqua in Toscana dove in Versilia sono state allagate serre, tunnel e vivai con danni irreparabili alle pregiate coltivazioni di fiori e ortaggi”.

albicocca_Il maltempo che ha colpito duramente in Europa con morti e dispersi in Francia e Germania “ha avuto effetti anche a macchia di leopardo nel centro nord Italia dove le campagne si trovano in piena stagione produttiva per cereali, frutta e verdure mature che gli agricoltori sono impegnati a raccogliere. Il repentino capovolgersi del tempo è una conferma dei cambiamenti climatici in atto che in Italia si manifestano con ripetuti sfasamenti stagionali ed eventi estremi anche con il rapido passaggio dalla siccità all’alluvione, precipitazioni brevi e violente accompagnate anche da grandine con pesanti effetti sull’agricoltura italiana che negli ultimi dieci anni– continua la Coldiretti- ha subito danni per 14 miliardi di euro a causa delle bizzarrie del tempo“. Di fronte al ripetersi di queste situazioni imprevedibili – conclude l’associazione agricola – diventa sempre più importante il crescente ricorso all’assicurazione quale strumento per la migliore gestione del rischio”.

4 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»