Sardegna

Satta dalla cella alla poltrona, M5s: “Che scandalo”

consiglio regione sardegna

CAGLIARI – “Dalla ‘fresca’ cella alle calde poltrone di via Roma in poche ore. Di fronte a questo scandalo, che testimonia come ancora una volta i politicanti sardi trattino la cosa pubblica e gli incarichi istituzionali come una cosa che gli appartiene, le resistenze delle opposizioni, almeno in prima battuta, sono state piuttosto flebili. I più agguerriti nel Consiglio regionale ad esempio si sono limitati ieri a proporre di posticipare il giuramento per consentire i necessari approfondimenti tecnici e le relative valutazioni politiche”. Così l’eurodeputata del Movimento cinque stelle Giulia Moi sulla “vicenda Satta”, il neo-consigliere dell’Uds incarcerato di recente per traffico internazionale di stupefacenti e poi tornato libero che ha prestato giuramento stamane in aula.

Una situazione che ha creato non pochi imbarazzi soprattutto tra gli scranni della maggioranza, un malumore diffuso che ieri ha causato di fatto lo slittamento del giuramento dell’ex sindaco di Buddusò, previsto per ieri pomeriggio. C’è stata dunque una “protesta”, quella dei consiglieri Pd e della maggioranza, che però per l’eurodeputata sarda “è un po’ poco, per una situazione che è paradossale agli occhi di chiunque sia dotato di un minimo di buon senso. Ci deve essere una ragione, si domanderanno le migliaia di cittadini onesti che leggendo la notizia non avranno creduto ai loro occhi- si chiede Moi- ma il motivo possiamo dedurlo da un fatto: nell’Assemblea regionale su 60 consiglieri, almeno 12 sono indagati per reati di vario genere. Ma l’onestà andrà di moda- conclude- prima o poi anche in Sardegna”.

di Andrea Piana, giornalista

4 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»