Scontri a sud di Tripoli. Guterres (Onu): “Sostenere un processo di pace”

Avanzata delle truppe Haftar durante la visita del segretario dell'Onu
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Scontri a fuoco tra reparti dell'”esercito” che fa capo a Khalifa Haftar e milizie fedeli al governo di Fayez Al-Serraj si sono verificati oggi a sud di Tripoli: lo ha riferito Ahmad Mismari, un portavoce delle forze del generale. L’annuncio e’ giunto dopo l’avvio di una mobilitazione militare disposta dall’esecutivo, riconosciuto dall’Onu nonostante regioni dell’est e del sud della Libia restino sotto il controllo di Haftar. 

Secondo fonti di stampa concordanti, il generale ha sferrato l’offensiva con una colonna di 300 blindati e auto “tecniche” che gia’ ieri dal sud avevano cominciato a spostarsi verso la capitale. L’avanzata e’ coincisa con la visita del segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, giunto a Tripoli per “sostenere un processo politico che porti a pace, stabilita’, democrazia e prosperita’”. In riferimento agli scontri, il dirigente del Palazzo di vetro ha detto che “solo un dialogo tra i libici puo’ risolvere i problemi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»