Governo, Toti: “Escludere Berlusconi offensivo per la democrazia”

GENOVA – “Credo che la pretesa di Di Maio di escludere un leader politico che rappresenta oggi circa 4 milioni di elettori sia offensiva per la democrazia, non per Silvio Berlusconi”. Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, a margine di una conferenza stampa, risponde alle domande dei cronisti sulla disponibilità di Luigi Di Maio a dialogare con il centrodestra escludendo il leader di Forza Italia da ogni trattativa.

“Berlusconi rappresenta un partito che fa parte a pieno titolo della coalizione di centrodestra e sarà la coalizione che deciderà chi parla per chi e per dire che cosa- prosegue il governatore ligure- non può essere il Movimento 5 Stelle con dei diktat assurdi a decidersi l’interlocutore che gli fa più piacere o più comodo”.

Per Toti, comunque, “il problema vero non è chi parla per il centrodestra ma mettere insieme un governo che gli italiani si aspettano e soprattutto un programma che gli italiani si aspettano. Se questo non sarà possibile, la parola deve tornare agli elettori sovrani, magari con un’altra legge elettorale, dato che il Parlamento si è insediato felicemente, altrimenti il risultato sarebbe poco differente”.

4 Aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»