In Liguria niente Irap per le imprese nate nel 2016

Lavoro10GENOVA – Irap azzerata per le nuove imprese nate nel 2016 e per i nuovi investimenti produttivi. E’ stato presentato questa mattina dall’assessore allo Sviluppo economico, Edoardo Rixi, il provvedimento della Regione Liguria, al momento unico in Italia, che cancella l’aliquota del 3,9% dell’imposta regionale sulle attività produttive. “Non è un’azione che deve sorprendere nessuno- commenta l’assessore- perché era già scritta nel Growth act, la nostra legge sulla crescita”. L’esenzione Irap, che comporta una copertura di bilancio pari a circa 2 milioni di euro all’anno, ha la durata di 4 anni, ma potrebbe essere estesa un ulteriore quinto anno. Al provvedimento sono interessate tutte le imprese nate nel 2016 a partire dal primo gennaio che operano in tre macro settori: turismo, attività manifatturiere e alta tecnologia. “Non è un regalo alle imprese- precisa Rixi- ma il tentativo di costruire una Regione in cui si possa lavorare, produrre e trovare conveniente investire qui”.

Secondo l’assessore è dal 2001, ovvero dall’ultima amministrazione Biasotti, che la Regione Liguria non attua un intervento agevolativo di questo tipo, “ma- precisa- all’epoca si trattava solo di una riduzione dell’1% mentre successivamente le giunte di centrosinistra hanno realizzato qualche esenzione solo per singole attività e non integrate in una politica complessiva”. Le imprese nate nel 2016 e interessate all’esenzione dovranno compilare e presentare alla Regione, nell’anno corrente, una dichiarazione in cui si autocertifica di essere un’attività nuova secondo le categorie previste dalla legge. Per Rixi questo è anche un “segnale al governo perché se non si produce più ricchezza è anche difficile ridistribuirla: stiamo consumando le riserve. Andremo avanti nei prossimi mesi con misure simili di sinergia pubblico-privato, sempre che ce lo consentano le coperture di bilancio e gli strumenti operativi della Regione Liguria”.

di Simone D’Ambrosio, giornalista

4 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»