AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE ambiente

Ue. ‘Fuorilegge’ anche il prosecco alla spina del Canada

Prosecco alla spinaROMA  – “Dopo lo stop al Prosecco alla spina venduto in Inghilterra, l’Europa mette nel mirino anche il Prosecco alla spina commercializzato in Canada”. Lo annuncia l’europarlamentare della Lega Nord Mara Bizzotto che, dopo aver ottenuto lo storico pronunciamento della Commissione UE contro il Prosecco ‘on tap’ smerciato nel Regno Unito, ha denunciato a Bruxelles il caso del falso Prosecco distribuito nei mercati extra europei, invocando l’immediato intervento della UE per fermare “anche questa pratica illegale di spillatura a pressione di vino bianco frizzante spacciato per Prosecco”.

L’eurodeputata Bizzotto, membro della Commissione Agricoltura, ha chiesto all’UE “di attivarsi presso le autorità canadesi per far cessare questa pratica e per tutelare i produttori veneti frodati dal Prosecco alla spina”. Un prodotto tarocco che sta provocando “pesantissimi danni alle aziende venete” dato che nel mercato canadese “da un lato si vende vino bianco frizzante spacciandolo per Prosecco, e dall’altro si lega l’immagine di questa eccellenza del made in Italy a quella dei cosiddetti “wines on tap (vini alla spina)”.

Sulla scorta delle segnalazioni dell’eurodeputata Bizzotto, il Commissario UE all’Agricoltura Phil Hogan ha ufficialmente annunciato che “richiamerà l’attenzione delle autorità canadesi sulle pratiche cui fa riferimento l’on. Bizzotto nella sua interrogazione”, segnalando che negli accordi tra UE e Canada il Prosecco non gode attualmente della tutela di indicazione geografica protetta.

“L’accordo tra l’UE e il Canada sul commercio di vini e bevande spiritose, firmato nel 2003, contiene l’elenco delle denominazioni di vini e alcolici originari dell’UE protetti da un’indicazione geografica all’interno dell’UE, che possono esser registrati in Canada come indicazioni geografiche protette – afferma il Commissario UE Hogan – Il Prosecco non figura in tale elenco, in quanto al momento della conclusione dell’accordo tale denominazione non era protetta da un’indicazione geografica nell’UE”.

Inoltre, a fine 2014, “la Commissione UE ha formalmente chiesto al Canada di ampliare tale elenco inserendovi le indicazioni geografiche dell’UE non incluse nell’elenco originario – continua il Commissario UE Hogan – L’indicazione geografica del Prosecco è una di queste”. Attualmente il Canada sta riesaminando l’elenco delle indicazioni geografiche aggiuntive al fine di stabilire se possano essere registrate in Canada come indicazioni geografiche protette.

“Il Canada deve inserire al più presto il nostro Prosecco nel suo elenco per la tutela dei prodotti con indicazione geografica protetta – sottolinea l’eurodeputata Mara Bizzotto – Solo in questo modo la frode del falso Prosecco alla spina, la cui circolazione è stata già bandita dall’UE nel Regno Unito, potrà essere efficacemente contrastata anche nel mercato canadese, consentendo al nostro Paese di combattere la diffusione fuori dai confini europei di questi vini spumanti venduti illecitamente come Prosecco”.

04 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988