Macron: “Con l’Italia un malinteso, ma bisogna andare oltre”

Ieri il presidente della Francia è stato ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa. Anche sulla Tav si è detto convinto che tutto si risolverà con la concertazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le peripezie più recenti non sono gravi. Bisogna andare oltre. E questo è il senso delle affermazioni che abbiamo avuto con il presidente Mattarella quando l’ho incontrato e l’ho invitato in Francia. Ci sono state delle peripezie, ma bisogna andare oltre. Abbiamo deciso entrambi che il 2 maggio prossimo, per i 500 anni di Leonardo da Vinci, saremo insieme con la gioventù francese e italiana e parleremo del futuro dell’Europa”. Cosi’ il presidente francese Emmanuel Macron, intervistato ieri pomeriggio da Fabio Fazio, per Che tempo che fa.

“I malintesi- dice Macron a proposito dell’incontro tra il vicepremier Luigi Di Maio e alcuni esponenti dei gilet gialli – i malintesi per me sono secondari. Non possiamo dimenticare da dove veniamo. Non c’è un’avventura europea se non c’e’ un’intesa tra i nostri due paesi”.

LEGGI ANCHE: La Francia richiama l’ambasciatore a Roma: “Dal Governo attacchi senza precedenti”. L’ammonimento di Mattarella

“SULLA TAV NON DECIDERE VELOCEMENTE, CONCERTAZIONE RISOLVERÀ”

“Sono state fatte svariate analisi in passato. La scelta è stata fatta dai nostri predecessori che hanno sottoscritto quegli accordi che abbiamo confermato. Oggi le tecnologie permettono di conciliare modernità e tecnologia”. Lo ha detto ancora ieri pomeriggio  il presidente francese Emmanuel Macron a Che tempo che fa.

“So che ci sono sensibilità diverse. Credo che li risolveremo nella consultazione e nella concertazione, attraverso l’innovazione, con meno emissioni. Ma non credo che possiamo lasciare alle nostre società” che non si faccia la Tav. “Quando si va troppo veloci, troppo rapidi- dice Macron- si fanno errori, non possiamo lasciare le persone che hanno bisogno di lavorare e di spostarsi senza la possibilita di spostarsi per varie ragioni”.

“NAPOLI PER ME HA UN POSTO PARTICOLARE”

“Per me Napoli ha un posto particolare. Stendhal diceva: ‘ci sono due capitali in europa. Parigi e Napoli‘. Per me Napoli e’ particolare, l’ho visitata più volte”, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron, intervistato da Fabio Fazio, per ‘Che tempo che fa’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»