logo dire logo diregiovani

DIRE giovani

Scuola. In Italia circa 235mila alunni con disabilità

ROMA – Nonostante, nel nostro Paese, gli alunni con disabilita’ iscritti nell’anno scolastico 2014/2015 siano stati quasi 235 mila- 2,7% del totale, in crescita del 3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno- gli istituti italiani presentano numerose barriere che non li rendono inclusivi. Tra queste, l’assenza di segnali visivi, acustici e tattili per favorire la mobilita’ all’interno della scuola di alunni con disabilita’ sensoriali; la mancanza di percorsi interni ed esterni accessibili; la scarsa presenza di tecnologie informatiche per l’apprendimento. Un grande limite se si considera che il 65,3% degli alunni con disabilita’ ha un deficit di tipo intellettivo, il 3,5% motorio, il 2,7% uditivo e l’1,6% visivo. Questa la fotografia scattata, su base dati Istat e Miur- Ufficio di statistica, da Exposanita’ (Bologna 18-21 maggio 2016)- l’unica manifestazione italiana dedicata ai temi della sanita’ e dell’assistenza, che propone momenti di approfondimento e iniziative speciali dedicate al tema dell’inclusivita’, dalla vita quotidiana, all’istruzione, dall’educazione, al tempo libero. A tal proposito, verra’ allestito un campo prove per testare le funzionalita’ delle sedie a rotelle piu’ innovative, mentre all’interno di Horus Sport sara’ possibile praticare dal vivo le discipline paralimpiche piu’ diffuse. Sara’ attivata una ludoteca attrezzata con giochi accessibili a tutti e verra’ realizzata un’area riservata al turismo accessibile. Exposanita’, ospitera’ inoltre il Meeting Internazionale Iso, che dopo Gran Bretagna, Cina e Giappone, fara’ tappa a Bologna per parlare di standard Iso per carrozzine.

studente sedia rotelle

Tornando ai dati si evince che, per quanto riguarda il grado di scuola in cui sono inseriti, il 10% degli alunni disabili frequenta la scuola dell’infanzia, il 37% la scuola primaria, il 28% la scuola secondaria di I grado e il 25% la scuola secondaria di II grado. L’incidenza piu’ elevata di alunni con disabilita’ si segnala in Abruzzo (3,3% sul totale degli alunni della regione), Lazio (3,2%) e Liguria (3%) mentre la Basilicata (2%), la Calabria (2,1%) e il Friuli-Venezia Giulia (2,1%) sono le regioni con il tasso piu’ basso. Il sostegno gioca un ruolo chiave nell’integrazione. Nel nostro Paese il rapporto tra numero di alunni con disabilita’ e posti per il sostegno, dopo aver raggiunto quota 2,09 nell’anno scolastico 2009-2010, e’ ritornato a 1,85 nell’anno 2014-2015. Il rapporto e’ piu’ basso nelle regioni del Sud Italia: in Molise viene affidato un incarico per il sostegno ogni 1,38 alunni con disabilita’, in Calabria, uno ogni 1,49. Viceversa, il rapporto aumenta al Nord, dove spiccano Veneto (2,10) e Liguria (2,09). Le barriere tecnologiche: circa un quarto delle scuole non ha postazioni informatiche destinate alle persone con disabilita’. All’interno del percorso di inclusione dello studente disabile nel progetto educativo della classe, la tecnologia ha il ruolo fondamentale di ‘facilitatore’. Con riferimento alla scuola primaria e secondaria di I grado, circa un quarto delle scuole non possiede strumenti informatici destinati alle persone con disabilita’. L’ideale sarebbe avere all’interno dell’aula stessa una postazione informatica con periferiche hardware speciali e programmi specifici per l’insegnamento, ma solo 4 scuole primarie su 10 (39,3%) e poco piu’ di un terzo delle secondarie di primo grado (36,6%) hanno aule dotate di queste attrezzature. La maggior parte utilizza i laboratori gia’ presenti: sono quasi 6 su 10 le primarie italiane (58,7%) e secondarie di primo grado (56,6%). Per quanto riguarda gli strumenti didattici compensativi se il 35% non ne fa uso, e’ ben il 25% degli alunni ad avvalersi di software per l’apprendimento. Piu’ in generale, a disposizione degli studenti affetti da disabilita’, pc, tablet, registratori, lettori cd/dvd, fotocamere che permettono la personalizzazione della didattica (per il 47% degli alunni con sostegno), continua Exposanita’.

sedia a rotelle

Le barriere architettoniche: Oltre al sostegno didattico, gli alunni con disabilita’ necessitano di servizi per il superamento delle barriere architettoniche, come scale a norma, ascensori, servizi igienici specifici, segnali visivi, tattili e acustici, percorsi interni ed esterni che facilitino gli spostamenti. Se in Italia si registra una percentuale abbastanza alta di scuole che hanno scale a norma (82,4% di scuole primarie e 89,5% di secondarie di I grado) e servizi igienici a norma (80,6% di scuole primarie e 84,3% di secondarie di I grado), rimangono appannaggio di pochi istituti le mappe a rilievo e i segnali visivi, acustici e tattili che sono presenti in solo tre scuole su dieci, sia a livello primario (29,3%) sia secondario di I grado (30,1%). Situazione leggermente migliore, seppur insufficiente, per quanto riguarda percorsi interni ed esterni facilmente accessibili: solo il 42,9% delle scuole primarie e il 44,1% di secondarie di I grado ne e’ dotata. “La scuola deve essere il luogo dell’inclusione per eccellenza in fatto di strutture e strumenti tecnologici che mette a disposizione ma soprattutto per il ruolo che svolge per l’affermarsi di una cultura dell’apertura e dell’accettazione per l’altro che non puo’ trovare terreno piu’ fertile che a scuola, appunto. Exposanita’ offrira’ una serie di appuntamenti pensati per coloro che seguono gli alunni con necessita’ speciali- famiglie, insegnanti di sostegno, logopedisti, fisioterapisti e terapisti occupazionali- in un ciclo di iniziative che spazieranno dalla comunicazione aumentativa, ai disturbi dell’elaborazione sensoriale, ai prodotti informatici in fatto di tecnologie assistive”, afferma Marilena Pavarelli, Project Manager di Exposanita’.

 

04 marzo 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE