Colosseo, John Malkovich calca l’arena per il lancio del Super Bowl

Accanto a Malkovich, il campione Peyton Manning, in un confronto animato e dissacrante sul senso dei giochi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È andato in onda la notte scorsa il teaser della cinquantatreesima edizione del Super Bowl, prodotto da Cbs Sports per ‘The Great Game’, la finale di campionato della National Football League. Protagonista d’eccezione quest’anno è stato il Colosseo, accanto al pluripremiato John Malkovich, alla sua seconda performance per l’apertura della sfida che ha visto la squadra dei New England Patriots prevalere contro i Los Angeles Rams.

L’attore, si legge sul sito del Parco archeologico del Colosseo, ha calcato le tavole dell’arena sorprendendo i visitatori, che nelle ore di riprese hanno potuto seguire le prove di uno tra i teaser più attesi e seguiti al mondo.

Accanto a Malkovich, il campione Peyton Manning, in un confronto animato e dissacrante sul senso dei giochi, in cui emozione e identificazione collettiva sembrano rendere superflui metafore e richiami al passato. L’appassionata difesa della più autentica tradizione del football americano, sostenuta dalle parole di Malkovich e dal montaggio incalzante delle immagini del regista Pete Radovich, esaltano tuttavia il valore eterno dei giochi, del coraggio, dell’ambizione a trionfare sul campo: danno corpo e voce al bisogno di eroi e all’urlo del pubblico, che proprio nei munera dell’Anfiteatro Flavio hanno avuto archetipo e consacrazione, in un rito che si rinnova attraverso i secoli. Questo legame è oggi al centro degli approfondimenti sui munera e sulla loro eredità attraverso i social del PArCo, arricchiti dalle immagini del backstage.

Il Parco archeologico del Colosseo ha chiesto alla Cbs Sports di effettuare una donazione a favore di un’associazione no profit che si occupa di atleti diversamente abili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»