VIDEO | Beverly Hills 90210, Tori Spelling conferma il revival con il cast originale… tranne Brenda

La notizia rilasciata ad Access Live dopo le foto dei paparazzi che ritraevano il cast al completo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo  tante indiscrezioni, è arrivata la conferma circa la reunion del cast di una delle serie degli anni ’90 di maggior successo, ‘Beverly Hills 90210’. A dare la notizia durante il programma Access Live è stata nientemeno che Tori Spelling, figlia del produttore Aaron, che nella serie interpretava Donna Martin, commentando delle foto in cui appariva insieme ad altri personaggi. “Ci siamo presi un caffè tra un incontro e l’altro con le reti- ha spiegato -È confermato. Stiamo rifacendo 90210“.

Ci sarà il cast al completo? Tori conferma la presenza di gran parte degli attori e aggiunge: “I fan resteranno piacevolmente sorpresi perché lo collegheremo con le scene della serie. Quindi sarà il cast al completo che interpreterà una versione sopra le righe di se stesso”. Non si tratterà quindi di un reboot ma di un mockumentary, ossia un finto documentario in cui gli attori interpretano se stessi mentre provano a realizzare una nuova stagione

Confermata la presenza di uno dei personaggi più amati, quello di Dylan Mckay interpretato da Luke Perry che, sebbene impegnato nelle riprese Riverdale “farà tutte le puntate in cui riuscirà ad essere presente”. A mancare all’appello sarà invece Shannon Doherty, l’attrice che interpretava Brenda Walsh, che da sempre ha avuto un rapporto conflittuale con il resto del cast.

Confermati Jennie Garth (Kelly Taylor), Jason Priestley (Brandon Walsh), Ian Ziering (Steve Sanders), Brian Austin Green (David Silver) e Gabrielle Carteris (Andrea Zuckerman).

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»