A Roma danza e aurora boreale in diretta all’Auditorium

Dal 10 al 26 febbraio all’Auditorium Parco della Music, Equilibrio Festival, l’evento di febbraio dedicato alla danza contemporanea
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Roma sarà visibile l’Aurora Boreale. Dal 10 al 26 febbraio all’Auditorium Parco della Musica, durante Equilibrio Festival, l’evento di febbraio dedicato alla danza contemporanea, sarà proiettata sulla cupola della sala Sinopoli l’Aurora boreale, in diretta dall’osservatorio di Geofisica Sodankyla, dell’università di Oulu, in Finlandia. Ad annunciarlo l’amministratore delegato della Fondazione Musica per Roma, Josè Dosal, durante la conferenza di presentazione del festival, alla presenza del presidente della Fondazione, Aurelio Regina, del vice sindaco, Luca Bergamo, e degli ambasciatori dei Paesi nordici (Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia).

 Dopo le edizioni passate consacrate alla Francia e alla Germania, la Fondazione Musica per Roma, con la direzione artistica di Roger Salas, ha organizzato un Equilibrio Festival dedicato ai Paesi nordici. In programma un ampio cartellone che non si concentra esclusivamente sulla danza, ma anche su ciò che la circonda e la rende popolare. Il pretesto poetico dell’Aurora boreale servirà a fare accostare il pubblico romano al panorama culturale offerto dai Paesi nordici.
 
“Nel 1859 il cielo di Roma ospitò lo spettacolo eccezionale di una vera Aurora boreale- ha spiegato Salas- Adesso nel 2019, con ‘La danza delle luci’ un selezionato gruppo di coreografi e ballerini presenteranno il meglio della loro produzione”. “Sarà un momento incredibile” ha aggiunto Dosal, che ha ricordato come a Equilibrio Festival seguiranno altri due Festival molto attesi: ‘Libri Come’ e ‘Festival delle Scienze’. “Quest’anno apriamo un mondo non così conosciuto al pubblico romano e questo ci ha stimolato- ha invece sottolineato Regina- Ringrazio gli ambasciatori venuti qui oggi”.
 
“Equilibrio è un bel nome per un festival, ma è soprattutto un temine che ben si adatta al tempo che stiamo vivendo, fatto di gravi squilibri- ha detto Bergamo- La ricerca della cultura per consentire di ricostruire gli equilibri sui diritti umani e civili è importantissima e i Paesi nordici in questo hanno fatto scuola”. L’inaugurazione avverrà domenica 10 febbraio dalle 17.30 con una serie di eventi straordinari aperti al pubblico, a partire dalla danza di Mats Ek.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»