AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE abruzzo

Trivelle, Lacorazza: “Territori devono poter dire la loro”

TrivellePOTENZA – “Nessuno scontro ideologico sul referendum, ma solo la possibilità di esprimersi per la tutela delle coste e del mare, che sono la principale risorsa del turismo italiano”. Lo hanno detto i presidenti dei Consigli regionali di Basilicata e Veneto, Piero Lacorazza e Roberto Ciambetti, che oggi a Roma hanno incontrato una delegazione di Assoturismo – Confesercenti composta da Claudio Albonetti, presidente nazionale di Assoturismo e presidente di Confesercenti Marche, Tullio Galli, coordinatore nazionale di Assoturismo – Confesercenti, Saverio Prencipe e Raffaele Zaffarano, dirigenti di Assoturismo Puglia, Giuseppe Susi, dirigente di Assoturismo Abruzzo e Paolo Raipaoli di Confesercenti Calabria.

A nome del coordinamento delle Regioni promotrici del referendum sulle trivelle in mare, i presidenti delle Assemblee legislative regionali di Basilicata e Veneto hanno ribadito che “le istituzioni di prossimità devono poter dire la loro su questioni essenziali per lo sviluppo dei territori. Va quindi ripristinato il principio di leale collaborazione fra Stato e Regioni, che devono interrogarsi sulle politiche energetiche alla luce dei risultati della Conferenza di Parigi Cop 21, della caduta del prezzo del petrolio che oggettivamente modifica la sostenibilità finanziaria degli investimenti nelle fonti fossili e della necessità di tutelare le coste italiane, che viene ulteriormente rafforzata dalla scelta della Croazia di fermare la ricerca di idrocarburi sull’altro versante dell’Adriatico”.

Ci auguriamo che, come è già accaduto nel 2009, anche questa volta sia possibile puntare sull’election day per le amministrative e il referendum sulle trivelle in mare – hanno concluso Lacorazza e Ciambetti – che farebbe risparmiare 300 milioni di euro e contribuirebbe a promuovere la partecipazione consapevole dei cittadini. L’economia del mare e del turismo è essenziale per il futuro dell’Italia e gli operatori del settore saranno certamente impegnati a tutela di questo patrimonio”. Nei prossimi giorni Lacorazza e Ciambetti incontreranno i responsabili di altre associazioni legate al turismo e all’economia del mare.

04 febbraio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988