AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Affittopoli, Tronca: “Abbiamo poco tempo” e l’ex sindaco Marino ricorda: “Lo avevamo già fatto noi”

campidoglio (1)ROMA – Quello della lotta allo scandalo affitti negli immobili di proprietà del Comune di Roma “è una cronoscalata: ‘crono’ perché abbiamo poco tempo e ‘scalata’ perché e’ un lavoro in salita. Ce la metteremo tutta con tutte le forze. Per questo abbiamo il supporto di alte amministrazioni, ad iniziare dall’Agenzia delle Entrate”. Lo ha detto il commissario di Roma, Francesco Paolo Tronca, a margine della cerimonia di consegna della cittadinanza onoraria della città di Agrigento allo scrittore Andrea Camilleri, oggi in Campidoglio.

Tuttavia, ha spiegato Tronca, l’esito delle operazioni di controllo “non dipende da quello che abbiamo trovato, ma da quello che troveremo”, ha aggiunto Tronca. “Se non ce la dovessimo fare completamente vorrà dire che avremmo avviato un lavoro che sarà portato a termine dall’amministrazione democraticamente eletta dal popolo. Stiamo verificando tutte le situazioni. Potremmo anche trovarci di fronte a un fenomeno sommerso. Vedremo“. Infine ha sottolineato l’esigenza di agire rapidamente: “Noi faremo di tutto in grande accelerazione”.

Pronta la risposta dell’ex sindaco di Roma Ignazio Marino, a RepubblicaTv: “Quello che il commissario, astutamente ha portato alla ribalta” sullo scandalo di Affittopoli, “è ciò che noi a marzo 2015 avevamo messo sul sito del Comune. Sono molto soddisfatto che i media si occupino di questa importante questione che riguarda i romani- ha aggiunto- Il fatto che Roma sia un pessimo padrone di casa ed abbia gestito male il patrimonio è stato uno dei primi punti su cui io mi sono concentrato quando sono diventato sindaco. Diedi il compito ai miei assessori, Nieri e Cattoi, di completare una mappatura degli immobili, fu uno dei temi su cui avevo basato la mia consiliatura”.

04 febbraio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram