VIDEO | Orlando: “Toninelli apri i porti, smettila di fare il pupo nelle mani di Salvini”

Orlando si appella al ministro Toninelli durante il sit in che si è tenuto a Palermo a sostegno della sua 'disobbedienza': "Apri i porti e dimostra che l'Italia è un paese accogliente"

PALERMO – “Il porto di Palermo è aperto: ministro Toninelli smettila di fare il pupo nelle mani di Salvini, apri i porti d’Italia e dimostra che siamo un popolo civile e accogliente”. Così il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, parlando ai manifestanti presenti a piazza Pretoria per manifestargli solidarietà ed esprimere il proprio dissenso nei confronti del decreto Sicurezza.

Orlando, il cui discorso è stato interrotto più volte dagli applausi dei circa trecento manifestanti presenti davanti a Palazzo delle Aquile, ha inoltre lanciato un collegamento con la nave Sea Watch che ha accolto a bordo diversi migranti e che da giorni è alla ricerca di un porto nel Mediterraneo. “Ci sono 49 esseri umani condannati dall’egoismo di questo governo nazionale a restare al largo perchè non possono accedere ai porti”, ha sottolineato il sindaco di Palermo.

IL SIT IN NATO SPONTANEAMENTE SUI SOCIAL

Al sit in di stamattina hanno partecipato alcune centinaia di persone, che si sono ritrovate in piazza Pretoria, davanti alla sede del Comune, per sostenere la scelta del sindaco, Leoluca Orlando di non applicare il decreto sicurezza relativamente alle procedure di iscrizione dei cittadini stranieri all’anagrafe.

La manifestazione, nata spontaneamente sui social, vede la partecipazione di associazioni, esponenti del terzo settore, studenti e liberi cittadini. Negli ultimi giorni Orlando, che ha espressamente chiesto al dirigente dell’ufficio Anagrafe di avviare un “approfondimento” riguardante “tutti i profili giuridici” che deriveranno dall’applicazione della norma, è stato protagonista di un acceso duello mediatico con il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

di Salvo Cataldo

Leggi anche:

4 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»