Auditorium Roma, 395.000 spettatori nel 2017 (+7%)

ROMA – Chiude con un segno positivo il quindicesimo anno dell’attivita’ della Fondazione Musica per Roma. Il 2017 segna infatti un +7% di presenze rispetto all’anno precedente con 395.000 spettatori (sono stati 369.000 circa l’anno scorso) e un aumento anche degli spettatori paganti che ha raggiunto quota 298.000 superando quelli del 2016 (di 287.000). A salire e’ anche il numero di eventi giunti a 617 tra concerti, il nuovo Festival Economia Come e la rassegna RETAPE, spettacoli, lezioni, laboratori e incontri a pagamento e gratuiti.

Con la Befana chiude anche il ricco Natale con oltre 40.000 presenze per i 59 eventi della programmazione della Fondazione, confermando il successo di rassegne tradizionali come il Gospel (8.000 spettatori) e di nuovi progetti come Collisioni a Roma, 4 serate uniche con Carmen Consoli, Daniele Silvestri e Max Gazze’ insieme sul palco (piu’ di 10.000 spettatori) e i tre giorni con il Maestro Nicola Piovani in concerto (oltre 2.000 spettatori).

Resta ancora aperta la Mostra, inaugurata per Natale, PHOTOARK del grande fotografo Joel Sartore di National Geographic che sta suscitando moltissimo interesse soprattutto tra i piu’ piccoli. “Si chiude un altro anno pieno di soddisfazioni- dichiara l’AD Jose’ R. Dosal- non solo per i numeri di presenze che sono la conferma dell’ottimo lavoro svolto ma anche per tutte le novita’ che abbiamo messo in cantiere e che fra poco prenderanno il via in questa seconda parte di stagione.

Oltre ai grandi nomi in arrivo nei prossimi mesi come Bob Dylan, o dei primi artisti annunciati per la stagione estiva come Ringo Starr, Simple Minds, King Crimson, Pat Metheny, parlo dei due nuovi festival al via a giorni, il Festival di Danza Spagnola e Flamenco ed Equilibrio festival dedicato alla Francia, inoltre la rassegna RETAPE dedicata ai giovani talenti emergenti romani, e una grande stagione di jazz, musica di ogni genere e l’arrivo di un nuovo Festival dedicato alla Lituania”.

4 Gen 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»