Mondo

Paraguay, scoppia la rivolta dei campesinos


ROMA – Almeno 13 arresti e una ventina di feriti: è il bilancio di scontri tra poliziotti e ‘campesinos’ che si sono verificati in Paraguay a seguito di espropri legati all’espansione di piantagioni intensive di soia. L’epicentro degli incidenti è Tembiapora, una località del distretto di Guahory a circa 120 chilometri di distanza dalla capitale Asuncion.

Dopo i disordini il capo della Federacion nacional campesina, Marcial Gomez, ha minacciato di organizzare nuovi cortei di protesta. “Se a Guahory saranno accertati morti”, ha detto l’attivista, “20 mila ‘campesinos’ occuperanno Asuncion per chiedere la dimissioni del presidente Horacio Cartes”.

di Vincenzo Giardina

4 gennaio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»