Asia argento è tra i nemici di Salvini, insulti sessisti sul web

L'attrice diventa 'non testimonial' e il popolo verde su fb si scatena

Condividi l’articolo:

ROMA – E’ da un po’ che non c’e’ feeling tra Matteo Salvini e Asia Argento, da quando questa estate l’attrice, diventata simbolo del movimento femminista ‘Me too’ contro le molestie sessuali, conio’ l’hashtag #salvinimerda nell’ambito della polemica tra il ministro dell’Interno e Roberto Saviano. E cosi’, in vista della grande manifestazione della Lega di sabato 8 a Piazza del Popolo, la figlia di Dario Argento entra ufficialmente tra i ‘nemici’ di Matteo Salvini. Ossia tra coloro, esponenti politici, personaggi del mondo della cultura, della musica e dello spettacolo, i cui volti in questi giorni sono finiti sui manifesti diffusi via social dal Carroccio sotto lo slogan ‘Lui/Lei non ci sara””. E sotto ai post che raffigurano Asia, il popolo ‘verde’ letteralmente si scatena. I commenti, in molti casi, arrivano all’insulto sessista, complice anche le ultime notizie sul suo flirt con Fabrizio Corona.

Ecco alcuni dei commenti partendo da quelli, diciamo, piu’ soft: “Ma questi sono comunisti per moda, non sanno nemmeno cos’e’ il vero comunismo”; “Lei sara’ nelle manifestazioni del partito dei benestanti targato PD”; “E’ bello fare la comunista con i soldi”. La maggior parte delle critiche contiene invece toni molto piu’ forti con i cosiddetti ‘hater’ che ci vanno giu’ pesante. Ecco alcuni esempi: “Sara’ a sballarsi con il guappeppo siciliano pappone fallito…”; “Pero’ lei il piacere lo sa godere, poche donne cosi'”; “Che schifezza di donna”; “Suo padre non ha fatto solo dei film di orrore ma ha fatto anche la figlia un orrore”. E ancora: “Meglio, altrimenti potrebbe dire che qualcuno l’ha violentata”. “Aprite case di appuntamento, li’ sara’ prima”; “Sai quel pugno chiuso in mano sinistra dove dovresti metterlo???”. Infine commenti davvero pesanti e irripetibili. 

Leggi anche:

3 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»