Madre 26enne uccide il figlio di 3 mesi gettandolo a terra: arrestata

I fatti risalgono al mese di novembre ma la notizia si è appresa oggi. Il piccolo è morto un giorno dopo il ricovero.

Condividi l’articolo:

ROMA – Una 26enne di Catania è stata arrestata dalla polizia con l’accusa di avere ucciso il proprio figlioletto di tre mesi, lanciandolo per terra. I fatti risalgono al mese di novembre ma la notizia si è appresa oggi, quando gli agenti del commissariato di Borgo Ognina hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip nei confronti della giovane, accusata di omicidio aggravato dal fatto di avere agito “contro il discendente”: il piccolo, portato in un primo momento all’ospedale Cannizzaro e in seguito trasferito all’unità di Rianimazione pediatrica del Garibaldi-Nesima, è morto un giorno dopo il ricovero.

IL RACCONTO DELLA DONNA

Ai medici la donna aveva raccontato che il piccolo si era fatto male cadendole accidentalmente dalle braccia a causa di una spinta che si era dato da solo, ma in seguito le indagini avrebbero accertato che “la caduta del bambino non era stata accidentale” ma che “era stata la madre – sostengono gli investigatori – a scaraventarlo a terra con forza”.

Secondo il gip la donna ha agito “al fine di uccidere” il bambino, quindi con “dolo intenzionale”. Nell’accogliere la tesi della Procura, il gip scrive: “Non può in nessun modo ritenersi corrispondente al vero neppure quanto dalla stessa riferito in ordine alla assenza di volontà omicida ai danni del neonato”.

Leggi anche:

3 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»