San Marino

San Marino batte l’Italia in connettività e digitalizzazione

Crisi

SAN MARINO – Gli indicatori di connettività e digitalizzazione promuovono San Marino al 18° posto nella classifica europea, migliore di diversi punti alla posizione dell’Italia, ferma al 25° posto. Non solo, messo a confronto con tutte le Regioni italiane, il Titano risulterebbe nel punto più alto del podio, davanti alla vicina Emilia Romagna e alla Lombardia. Questi i risultati confortanti emersi dal primo report “San Marino connessa 2015”, check up che fotografa il livello di digitalizzazione del Paese, presentato oggi al Kursaal, esito di 9 mesi di studio. L’iniziativa fa seguito infatti alla firma del Memorandum of Understanding, dello scorso 10 marzo, tra Telecom Italia e la segreteria di Stato al Territorio con delega alle Telecomunicazioni.

In sintesi, sono stati monitorati nel territorio tutti i parametri del Desi, Digital economy end society index e confrontati con quelli dei principali paesi Ue facendo da un lato emergere “una situazione di generale ritardo di San Marino rispetto alla media europea”, ma nonostante ciò “San Marino- riferisce il report- registra un posizionamento, quale il 18° posto nel ranking europeo, migliore rispetto a quello italiano, il 25° posto”. Non solo: il posizionamento sul digitale di San Marino è “al di sopra della media italiana– prosegue il testo- con punte di eccellenza nei servizi pubblici digitali e nell’integrazione delle tecnologie digitali da parte delle imprese”. Non mancano però le criticità: “In una situazione di arretratezza- sottolinea il testo- risultano invece l’area della connettività, a causa del ritardo nello sviluppo delle infrastrutture Ubb, e quelle dell’uso di Internet da parte dei cittadini e dello Human capital”.

L’obiettivo della copertura a banda larga di base per tutti, anche per San Marino, riferisce il report, può considerarsi raggiunto: la copertura broadband di base si è ormai diffusa al 100% dei cittadini sammarinesi. Critica invece è la situazione sulle coperture a banda ultra larga di rete fissa, con servizi ad almeno 30 Mbps, ancora assenti, “con un forte gap- evidenzia il testo- rispetto agli altri paesi europei”. Passando all’uso di internet, i cittadini che utilizzano internet regolarmente a San Marino sono il 69%, a sei punti percentuali di distanza dall’obiettivo europeo 2015 e dalla media europea a 28 paesi. Pochi in percentuale sono i sammarinesi che ricorrono ai servizi di e-government esistenti, pari al 27%, rispetto a una media europea del 47%, mentre l”11% dei cittadini ha consegnato moduli compilati online, nello specifico la dichiarazione dei redditi, contro un valore medio europeo del 26%. Più successo ha lo shopping on line: il 68% dei cittadini sammarinesi ha ordinato o acquistato merci o servizi per uso privato online, contro una media europea del 50%.

Il 2016, secondo “San Marino connessa” sarà un anno decisivo per il digitale sul Titano perché vedrà la definizione dell’Agenda digitale sammarinese da parte dell’Agenzia per lo sviluppo del digitale sammarinese che sarà costituita a breve.

Di Cristina Rossi – Giornalista professionista

3 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»