Orfini: “Residenza e allacci nelle occupazioni, il Governo dia l’ok”

ROMA – “Ho presentato un emendamento alla Legge di stabilità per intervenire su alcuni degli effetti dell’art. 5 della legge Lupi, una norma che, negando residenza e allacciamento ai pubblici servizi a chi occupa abusivamente un immobile, genera delle gravi conseguenze di carattere sociale, come l’impossibilità di usufruire del diritto alla salute e allo studio, oltre che del rilascio di permessi di soggiorno e documenti di identità, tutti legati alla residenza”. Lo annuncia Matteo Orfini, parlamentare e presidente del Pd, che precisa: “Naturalmente non si tratta di legittimare le occupazioni illegali, ma è evidente che questa disposizione, così concepita, non è sostenibile, poiché produce effetti lesivi di diritti costituzionali, come la tutela della salute e l’accesso all’istruzione, coinvolgendo in questi effetti, peraltro, la vita e la serenità di bambini ai quali viene di fatto assegnata una colpa per essere nati e per vivere in una casa occupata”.

manifestazione_casa 3

Per Orfini “questa norma sta producendo di per sé ulteriori reati, a partire dalla dichiarazione fittizia di residenza, e gli enti locali si trovano nella difficile situazione di far fronte all’esasperarsi della questione sociale e dei disagi per le fasce più esposte”. Quindi, spiega: “L’emendamento che ho presentato per escludere dall’applicazione dell’art. 5 almeno le categorie più deboli è stato dichiarato inammissibile, ma auspico che il governo voglia farlo suo per risolvere una situazione che colpisce in questo momento soprattutto i bambini e le persone malate, nella prospettiva di affrontare in modo complessivo la questione dell’emergenza abitativa, correggendo ed integrando quanto nella Legge 80 è risultato inefficace”.

LEGGI ANCHE:

Casa. Sit-in dei Movimenti in Prefettura: No agli sgomberi nei residence

Scontri a Bologna. Feriti manifestanti allo sgombero della ex Telecom FOTO E VIDEO

3 Dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»