ApprofonDiRE

Roma, in 180mila al voto per il Municipio X: ecco quello c’è da sapere

ROMA – Due anni di commissariamento, e ora nove candidati per una poltrona e sedici liste. Domenica 5 novembre si torna al voto ad Ostia, o meglio nel municipio X di Roma (Ostia, Acilia, Castel Porziano, Castel Fusano, Infernetto, Malafede, e Palocco), per un totale di circa 180mila aventi diritto.

Era il 27 agosto del 2015 quando l’allora ministro dell’Interno, Angelino Alfano, propose lo scioglimento, per mafia, del Municipio guidato da Andrea Tassone.

I CANDIDATI

Per le elezioni di domenica 5 novembre sono in corsa, per il M5s, Giuliana Di Pillo, già delegata al Litorale della sindaca Virginia Raggi; l’ex parlamentare Athos De Luca, per il Pd; ‘don’ Franco De Donno e la sua lista Laboratorio Civico X, sostenuto da Insieme, Mdp e Sinistra italiana; Monica Picca, di Fratelli d’Italia, sostenuta anche da Forza Italia, Noi con Salvini, Liberi e da una lista civica; il giornalista Andrea Bozzi, sostenuto da Ora orgoglio rinascita autonomia e da Un sogno comune; Luca Marsella, candidato di CasaPound appoggiato da Assotutela e Cittadini per il X Municipio; Giovanni Fiori sostenuto dal Popolo della Famiglia di Mario Adinolfi. Infine, il candidato civico Marco Lombardi per Noi del X Municipio e quello di Sinistra Unita, Eugenio Bellomo.

COME SI VOTA

Si voterà domenica 5 novembre dalle 7 alle 23, eventuale turno di ballottaggio domenica 19, sempre dalle ore 7 alle 23. Per tutti i residenti, quindi, documento d’identità e tessera elettorale alla mano: per chi fosse sprovvisto di quest’ultima, il rilascio del duplicato potrà essere ritirato personalmente presso il Municipio X o presso la Sede elettorale Centrale di via Petroselli 50 negli orari normali di ufficio. Per facilitare il rilascio, gli sportelli saranno aperti anche nei giorni di: venerdì 3 novembre dalle ore 9 alle ore 18; sabato 4 dalle 9 alle 18; domenica 5, dalle 7 alle 23.

3 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»