Scontri a Bologna, la Polizia stoppa la cronaca del giornalista VIDEO - DIRE.it

Emilia Romagna

Scontri a Bologna, la Polizia stoppa la cronaca del giornalista VIDEO

BOLOGNA  – Dopo lo stop ai giornalisti durante lo sgombero di via de Maria e la più recente richiesta di documenti ad un fotografo di ‘Repubblica Bologna’ durante gli incidenti davanti alla mensa della scorsa settimana, oggi a Bologna un cronista dell’agenzia ‘Dire’ (che sta scrivendo questo articolo) è stato fermato da alcuni agenti di Polizia: gli hanno tolto di mano i telefoni cellulari e lo hanno identificato nonostante avesse immediatamente mostrato il tesserino.

E’ successo durante i tafferugli di oggi scoppiati di nuovo davanti alla mensa, dopo che le Forze dell’ordine hanno impedito l’autoriduzione che era stata annunciata dal Cua.


L’episodio si è verificato dopo la seconda carica, quella con cui gli agenti (dopo aver subito un lancio di uova e oggetti) hanno spinto i manifestanti su via De Rolandis verso via Irnerio. Quando i poliziotti si sono fermati, si sono ritrovati sotto un lancio incrociato di fumogeni perché un gruppo di manifestanti era rimasto alle loro spalle. Un fumogeno, acceso, si è infilato sotto il motore di un’auto in sosta lungo la strada, proprio di fianco al punto in cui si era attestato un cordone di agenti. Il cronista della ‘Dire’, temendo che la fiamma sotto il mezzo potesse diventare pericolosa, si è rivolto ad un agente in borghese dicendo: “C’è un fumogeno sotto la macchina”.

Subito dopo, il cronista ha cominciato a dettare per telefono un articolo in redazione, utilizzando un secondo cellulare per continuare a riprendere quanto stava accadendo. Ha iniziato così ad allontanarsi, verso via Irnerio. E’ a quel punto che lo stesso agente in borghese lo ha seguito dicendogli “vieni qua, vieni qua” ed ordinando ad un collega in divisa, in tenuta antisommossa, di fermarlo. “Metti giù il telefono”, si è sentito intimare il cronista.

“Sono un giornalista”, ha spiegato chi vi scrive, sentendosi dire “spenga adesso”. Dopo aver ottenuto di visionare il tesserino, gli agenti hanno voluto anche la carta d’identità, oltre che il telefono. Documenti restituiti dopo un controllo eseguito a poca distanza. “Questo è il mio strumento di lavoro, non potete sequestrarmelo”, ha detto il giornalista, riferendosi al suo telefono ma un agente ha comunque preso entrambi i cellulari, restituiti subito dopo. Il cronista, immaginando che ci potesse essere stata un’incomprensione rispetto al fumogeno sotto la macchina, ha spiegato l’accaduto e la risposta è stata: “Sì, ma ha visto anche me stendersi (per rimuovere il fumogeno, ndr), invece di criticare sempre la Polizia…“.


Nel frattempo sono arrivati alcuni agenti della Digos, a cui è stato ordinato: “Identificate lui cortesemente, poi vi dico il perché”. Intanto il giornalista è stato ricontattato telefonicamente dalla redazione e un agente ha chiesto di “staccare un attimo la conversazione”. E il cronista: “Sono un giornalista di un’agenzia di stampa e ho necessità di scrivere un articolo, mi state impedendo di fare il mio lavoro”. L’agente: “Non sto impedendo proprio niente, ha capito?”. La dettatura dell’articolo è proseguita e, intanto, altri giornalisti si sono avvicinati. Uno di loro ha detto agli agenti “è un collega”, sentendosi rispondere “pure io sono un collega”. Pochi minuti dopo, il cronista ha riavuto i documenti, senza venire a sapere le motivazioni del fermo.


Nei minuti successivi, la Polizia ha nuovamente caricato i manifestanti in via Irnerio e un agente in tenuta antisommossa è andato incontro al cronista della ‘Dire’ agitando il manganello, urlandogli “tu di nuovo qua stai?”. Il cronista ha chiarito di nuovo “sono un giornalista” ed è stato urtato leggermente. Tutto l’accaduto è registrato nel materiale multimediale in possesso della ‘Dire’.

Interpellata, la Questura fa sapere che l’intervento nei confronti del giornalista della ‘Dire’ si è reso necessario perché “il suo abbigliamento e il suo telefono corrispondevano alla descrizione” di una persona considerata responsabile del lancio di un fumogeno che ha colpito il braccio di un agente. “Questo ha indotto il personale a intervenire” nei confronti del cronista dell’Agenzia, specifica sempre la Questura.

di Maurizio Papa, giornalista professionista

3 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»