Sardegna

Nobel a Grazia Deledda, ok del Governo alle celebrazioni per il 90esimo anniversario

grazia_deledda_1CAGLIARI – Via libera dalla Camera alle quattro mozioni sulle iniziative per celebrare il 90esimo anniversario dell’assegnazione del premio Nobel alla scrittrice nuorese Grazia Deledda, unica italiana finora ad aver ricevuto il prestigioso riconoscimento.

Con le mozioni approvate oggi, il Governo si impegna “ad individuare opportune iniziative per celebrare degnamente l’ottantesimo anniversario della morte della scrittrice Grazia Deledda e il novantesimo anno dal conferimento ad essa del premio Nobel per la letteratura, anche con il coinvolgimento delle istituzioni culturali del Paese, della Regione Sardegna e dei Comuni facenti parte del parco letterario Grazia Deledda”, si legge nella mozione a prima firma della deputata sarda Giovanna Sanna. E a promuovere e sostenere iniziative “presso le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado volte a favorire lo studio e la conoscenza dell’opera di Grazia Deledda e delle altre donne insigni nel campo della letteratura, della cultura, delle scienze, dell’economia, anche in coincidenza col settantesimo anniversario del riconoscimento del diritto di voto alle donne italiane”.

L’attenzione del Governo “sarà massima, come già nel 2013 era stato fatto per celebrare il centesimo anniversario della pubblicazione del romanzo ‘Canne al vento’“, ha assicurato il sottosegretario al ministero della Giustizia Cosimo Maria Ferri, citando poi un’aforisma della scrittrice sarda: “‘Se vostro figlio vuole fare lo scrittore o il poeta sconsigliatelo fermamente. Se continua minacciatelo di diseredarlo. Oltre queste prove, se resiste, cominciate a ringraziare Dio di avervi dato un figlio ispirato, diverso dagli altri’. Queste erano parole di Deledda e penso che l’amore per la letteratura ci unisca tutti”.

di Andrea Piana, giornalista professionista

3 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»