Tram Firenze, la linea 2 in partenza per Natale

FIRENZE – Firenze dovrebbe trovare sotto l’albero di Natale la nuova linea 2 del tram. Date ufficiali per ora non ce ne sono e visto i precedenti, il condizionale è d’obbligo. Però sull’aprire le porte al pubblico sotto le feste c’è ottimismo. Anche perché, spiega il sindaco Dario Nardella, “le ditte ci hanno confermato, giusto ieri, che il 15 novembre termineranno i lavori“, anche se i cantieri su palazzo Mazzoni e per installare il carter del ponte San Donato proseguiranno fino a marzo.

In pratica, finite rifiniture, pensiline e sistema di illuminazione, da metà novembre l’opera potrebbe essere ‘consegnata’ alla commissione tecnica del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti per i test.

Oggi il primo test su strada

Intanto in mattinata la tramvia, con a bordo il primo cittadino, l’assessore alla Mobilità e ai Lavori pubblici Stefano Giorgetti, rappresentanti delle ditte e giornalisti, si è mossa da piazza Unità per raggiungere l’aeroporto di Peretola, l’altro capolinea. Il primo viaggio integrale sui circa 7 chilometri di binari.

Prima, il direttore dei lavori Santi Caminiti, ha tracciato la road map sui tempi per la messa in funzione dell’infrastruttura. “La speranza è aprire le porte agli utenti il 21 dicembre, forse anche qualche giorno prima se tutto dovesse filar liscio”. In pratica, dopo il 15 novembre la palla passerà alla commissione tecnica ministeriale, ma, sottolinea, “rifacendosi ai tempi e l’esperienza maturata sulla linea 3, in 15 giorni dovremmo avere il nulla osta provvisorio, ovvero tra il primo e il 5 dicembre”. In questa fase, “la cosa più impegnativa da testare sarà la sincronizzazione dei tram attorno alla stazione Santa Maria Novella, dove le due linee”, la 2 e la T1 – Leonardo, “si incrociano”.

In caso di intoppi, rinvio al 27-28 dicembre

A quel punto Gest, la società controllata dai francesi di Rapt che ‘governa’ il servizio, entrerà in azione per i 15 giorni di pre-esercizio. A ridosso di Natale, quindi, i giorni della verità: la commissione potrebbe firmare il via libera, poi ratificato da un decreto della Regione Toscana. Diversamente, in caso di intoppi burocratici, la partenza potrebbe essere rimandata “al 27, 28 dicembre, che sono altri due giorni buoni”, conclude Caminiti.

Nardella ci spera, ma non si sbottona: “Ovviamente non dipenderà tutto da noi, ma anche dal tempo necessario alla commissione ministeriale”. Per ora, quindi, rivela i dati che gli ha girato Gest sui numeri della linea Leonardo, che lega Scandicci con l’ospedale di Careggi: “Siamo a 62.000 passeggeri al giorno di media. E’ un nuovo record. Lo scorso anno, nello stesso periodo, eravamo a 40.000. La stanno utilizzando tutti, si tratta di una riposta molto positiva”, perché “i cittadini stanno capendo quanto sia positivo il trasporto pubblico strutturato sul tram”.

Ti potrebbe interessare anche:

3 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»