Sibilia: “Renzi? Qualcuno tolga le pile al pupazzo”. Replica: “Meglio se parla di luna”

ROMA – “E niente…dopo aver regalato i soldi alle banche, derubato i risparmiatori, aiutato la banca di Papà boschi, aver alimentato il business dei migranti con accordi Ue, aver approvato il Rosatellum, aver cercato di abolire il Senato salvo farsi eleggere senatore, aver distrutto la scuola e devastato il mondo del lavoro con il Jobs Act…è stato capace di scrivere questo. Nemmeno la decenza del silenzio. Qualcuno tolga le pile al pupazzo”. Lo scrive su facebook Carlo Sibilia, sottosegretario agli Interni.

La frase di Renzi che ha fatto perdere le staffe a Sibilia è questa: “Salvini e Di Maio adesso usano il manganello web contro Juncker. Sanno di aver combinato un disastro per l’economia italiana e hanno bisogno di un capro espiatorio. Dovevano cambiare l’Italia, adesso cercano solo di cambiare discorso. #ResistenzaCivile”. Lo scrive su twitter Matteo Renzi, senatore Pd.

A stretto giro, però, non si fa attendere la replica di Renzi: “Questo signore che mi insulta è quello che non crede allo sbarco degli americani sulla Luna. È in Parlamento da due legislature. E adesso lo hanno mandato al Governo, sottosegretario grillino al Viminale. È più credibile quando parla della Luna che quando parla di politica”. Lo scrive su twitter Matteo Renzi, senatore Pd.

3 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»