AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

“La mia mamma è bellissima”, al via raccolta fondi in Emilia-Romagna per donne malata di cancro

BOLOGNA – “Nessuno deve affrontare il cancro da solo, a maggior ragione una mamma”. Con questa frase si apre il testo della campagna di crowdfunding promossa dall’Istituto oncologico romagnolo sulla piattaforma www.ideaginger.it, dal titolo “La mia mamma è bellissima”, pensata per tutte le pazienti che affrontano il momento della caduta dei capelli in seguito alle terapie. Uno dei momenti maggiormente delicati di tutto il processo di guarigione da un tumore, soprattutto per le donne: la calvizie, lungi dall’essere una mera questione estetica, rappresenta forse lo stigma sociale più riconoscibile della malattia, cosa che crea forte disagio inficiando non solo sulla qualità di vita di una persona, ma anche sulla sua risposta alle cure.

Consapevole di questo, l’Istituto Oncologico Romagnolo ha da tempo attivato un servizio gratuito, il Progetto Margherita, che fornisce alle pazienti parrucche gratuite di qualità, oltre alla competenza e all’assistenza di un parrucchiere e di un volontario. A riprova di quanto sia importante una tale attività, nel solo 2016 sono state 358 le donne che hanno usufruito di questa opportunità: quasi una al giorno. Un dato che fa ben capire quanto la necessità di questo servizio sia avvertita su tutta la Romagna.

“Sono questi i motivi per cui il Progetto Margherita, nato presso la nostra sede di Ravenna, si è presto espanso anche a quelle di Forlì, Rimini e, più recentemente, Cesena – afferma il Direttore Generale IOR, Fabrizio Miserocchi – tuttavia, ascoltando le esigenze del territorio, è emerso come sia fondamentale non solo incrementare il servizio che già prestiamo in queste città, ma anche espanderlo su tutte le nostre sedi della Romagna, di modo che le pazienti che affrontano i pesanti effetti collaterali delle terapie non debbano essere costrette a percorrere decine e decine di chilometri per poter usufruire di una tale possibilità”.

È con questo spirito che nasce “La mia mamma è bellissima”, il progetto di crowdfunding che l’Istituto Oncologico Romagnolo ha lanciato oggi, lunedì 2 ottobre, sulla piattaforma www.ideaginger.it e che ha già ottenuto il patrocinio dei Comuni di Ravenna, Rimini, Forlì e Cesena. La campagna, che proseguirà per tre mesi e terminerà martedì 2 gennaio, si è data come obiettivo la somma di 10.000 euro, che serviranno per acquistare circa 120 parrucche oltre a beni di consumo necessari per la qualità dell’assistenza, come mantelline, salviette e testine. Centoventi pazienti in più da aiutare: un obiettivo ambizioso ma raggiungibile, grazie anche alla forte partecipazione ed entusiasmo che la campagna ha già suscitato.

Sono infatti ben 39 gli esercizi commerciali, soprattutto saloni di bellezza e parrucchieri, sparsi su tutta la Romagna che hanno già dato la loro adesione all’iniziativa a vario titolo. Alcuni esporranno semplicemente il salvadanaio e la brochure realizzata ad hoc a sostegno del progetto; altri hanno deciso di farsi autentici promotori e ambasciatori, diventando parte attiva della campagna. L’obiettivo: quello di aiutare le pazienti che ne sentono l’esigenza, in particolar modo le madri, a mantenere il più possibile la malattia in una sfera privata, personale, dimostrandosi comunque salde agli occhi dei figli.

Per partecipare alla raccolta fondi basta collegarsi al link del progetto, http://www.ideaginger.it/progetti/la-mia-mamma-e-bellissima.html, ed effettuare la donazione ritenuta più opportuna. Ogni donazione effettuata prevede delle cosiddette “ricompense”: piccoli gesti con cui l’Istituto Oncologico Romagnolo vuole ringraziare tutti coloro che sosteranno questa campagna. Si va dall’attivazione gratuita per un anno della rivista IOR “L’Informatore”, con 10 euro, a riconoscimenti più prestigiosi, come un taglio gratuito presso uno dei saloni di parrucchieri che hanno aderito all’iniziativa, o un invito per due persone all’evento di Natale dell’organizzazione.

LEGGI ANCHECancro, l’8% dei malati rifiuta le cure per paura di perdere i capelli

03 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988