AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

scientificamente - Gli Speciali di DIRE

Nobel per la Fisica a Weiss, Barish e Thorne: hanno scoperto le onde gravitazionali

premio_nobel_fisica

ROMA – Il premio Nobel per la Fisica è stato assegnato agli scienziati che hanno scoperto le onde gravitazionali. Si tratta di Rainer Weiss, Barry C. Barish and Kip S. Thorne, i quali hanno osservato nel 2016 il fenomeno descritto da Albert Einstein.

Qui il video dell’annuncio

Alla scoperta ha partecipato anche l’Italia: l’antenna che ha captato le onde è la statunitense Ligo, ma le onde sono state confermate anche dall’italiana Virgo, dell’Istituto nazionale di Fisica Nucleare (Infn), citata esplicitamente durante l’annuncio.

Dal minuto 4’04” l’approfondimento dell’Agenzia DIRE sulla scoperta delle onde gravitazionali

COSA SONO LE ONDE GRAVITAZIONALI

Einstein aveva immaginato l’Universo come una trama di Spazio e Tempo, trama che si deforma quando un oggetto dotato di massa subisce un’accelerazione. L’immagine che solitamente viene utilizzata per descrivere questo fenomeno è quella di una palla da bowling appoggiata su un lenzuolo teso. La ‘palla da bowling’ produce dei cambiamenti che, nell’Universo, si propagano alla velocità della luce sotto forma di onde gravitazionali.

Il primo segnale delle onde gravitazionali ad essere captato è stato generato dalla collissione di due buchi neri, collisione avvenuta un miliardo di anni fa. Lo strumento Ligo– Laser Interferometer Gravitational-wave Observatory – ha drizzato le antenne e lo ha catturato dagli Stati Uniti il 14 settembre 2015, per poi riuscire ad interpretarlo grazie alla collaborazione con Virgo, rivelatore interferometrico di onde gravitazionali, che si trova a Cascina. Uno sforzo internazionale che spinge nella Storia mille tra fisici e ingegneri di quattro continenti, oltre ai tre premi Nobel proclamati oggi.

di Antonella Salini, giornalista professionista

03 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988