Firmata l’intesa tra Mibact e Coldiretti per promuovere l’agroalimentare

PORTICI (Napoli) – Un protocollo di intesa per valorizzare e promuovere il turismo agroalimentare. A firmarlo, nella sede del museo ferroviario di Pietrarsa che ospita gli Stati generali del Turismo sostenibile, il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, e il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo.

protocollo mibact_coldiretti (700 x 525)

“Firmiamo una convenzione molto importante- ha detto Franceschini- Occuparsi di cultura in Italia vuol dire anche occuparsi di paesaggio e di eccellenze enogastromiche. La Coldiretti ha fatto un lavoro molto importante in questi anni e con questo accordo di oggi vogliamo lavorare insieme, sapendo che una parte del mio lavoro, essendo ministro della Cultura, è occuparmi del paesaggio e delle nostre tipicità, patrimonio da conservare come dice la Costituzione. Ecco perché una parte di questo accordo mi sento di firmarla più come ministro della Cultura che come ministro del Turismo”.

Franceschini e Moncalvo sono arrivati al museo a bordo di una bicicletta su rotaie, trasportando anche il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e il sindaco di Portici, Nicola Marrone. “La firma di oggi- ha aggiunto Moncalvo- non solo da’ valore a quello che abbiamo fatto fino a oggi, ma ci lancia verso il futuro con grande ottimismo. Le nostre aziende sono pronte a mettercela tutta per dare il loro contributo. L’idea e’ quella di mettere in rete tutte le risorse disponibili e le esperienze per la promozione del comparto agroalimentare. Questa regione- ha concluso Moncalvo- che e’ di mare e di terra, era il posto migliore per farlo”. La giornata di oggi vedrà anche la conclusione degli Stati generali del Turismo sostenibile, iniziati giovedì e voluti da Franceschini, che porteranno alla firma della Carta di Pietrarsa.

di Nicoletta Di Placido

Giornalista professionista

3 Ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»