Bologna, case Acer senza wc per evitare le occupazioni - DIRE.it

Emilia Romagna

Bologna, case Acer senza wc per evitare le occupazioni

BOLOGNA  – “Si è vero, nel momento in cui andiamo a liberare gli immobili occupati quegli immobili vengono resi inagibili togliendo i sanitari”. Così l’assessore alle Politiche abitative del Comune di Bologna, Riccardo Malagoli, rispondendo durante il question time di venerdì scorso ad un’interrogazione di Francesca Scarano (Lega nord).

case-popolari-bologna

La rimozione di wc e lavandini viene effettuata “principalmente per fare in modo che” gli alloggi Acer “non tornino ad essere occupati fino a quando non avremo le risorse per ristrutturarli ed assegnarli- spiega Malagoli- oppure, nel caso di quelli già ristrutturati, fino a quando non avremo l’assegnatario a cui rimonteremo i sanitari. Semplicemente questo”. Si tratta di una misura “efficace– aggiunge l’assessore- che evita di rinnovare occupazioni e che non provoca danni a nessuno”. Quindi “niente di strano”, conclude Malagoli, si tratta “semplicemente di una tutela per il patrimonio immobiliare del comune di Bologna”.

di Maurizio Papa

Giornalista

3 agosto 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»