A Lagos in Nigeria, chiuse 70 chiese e 20 moschee troppo rumorose

lagos_nigeria

ROMA – A Lagos, una delle più grandi città della Nigeria nonchè dell’Africa, le autorità hanno disposto la chiusura di 70 chiese e di una ventina di moschee poichè ritenute troppo “chiassose”, così come riporta l’emittente britannica Bbc. La misura è stata applicata anche su vari hotel, pub e locali pubblici. In una città che conta circa 20 milioni di abitanti, la soglia del rumore è particolarmente elevata: al costante rombo delle auto e al vociare della gente, si aggiungono gli appelli alla preghiera da parte delle moscheecinque volte al giorno – e ai rintocchi delle campane delle chiese cristiane.

campaneContro i centri di culto ‘rumorosi’ si è scagliata in particolare l’Agenzia nazionale per la protezione dell’Ambiente (Lepa), che ha raccolto le numerose lamentele dei cittadini, stanchi del continuo frastuono che, nel caso delle moschee, è anche notturno. Per questo il governo è corso ai ripari, emettendo un’ordinanza che rientra nel più vasto progetto di rendere la metropoli ‘noise-free’ – libera dal frastuono – entro il 2020.

3 Lug 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»