Renzi: “Italicum? Non c’è maggioranza per cambiarlo”

M. Renzi

ROMA – “Non vedo in Parlamento una maggioranza per una legge alternativa“. Così risponde, il premier Matteo Renzi, a proposito di una possibile modifica dell’Italicum durante l’intervista di questa mattina a SkyTg24. Un’intervista in cui tocca diversi altri argomenti, dal patto del Nazareno (“Non ce n’è nessuno”) alla richiesta di dimissioni da segretario del Pd che arriva da qualche democratico fino alle frecciate dell’ex segreatrio Ds Massimo D’Alema, che nei giorni scorsi ha annunciato il suo ‘no’ al referendum costituzionale.

IL PATTO DEL  NAZARENO – Oggi “non c’è nessun patto del Nazareno: il patto del Nazareno lo ha rotto Berlusconi perché non voleva votare Mattarella e secondo me ha fatto un errore” dice Renzi.

LE DIMISSIONI DA SEGRETARIO PD? – Lasciare la segreteria del Pd come chiede qualche esponente del partito? “E’ un dibattito lunare“, taglia corto Matteo Renzi, ospite oggi di SkyTg24.

IL ‘NO’ DI D’ALEMA AL REFERENDUM – “D’Alema ha tutti i diritti di votare quello che crede, difficile pensare di imporre qualcosa a D’Alema. Le riforme che D’Alema ha proposto quando guidava la bicamerale erano molto più impattanti sul sistema di quelle che proponiamo noi”. Lo dice Matteo Renzi, ospite di SkyTg24, a proposito dell’annuncio dell’ex segretario dei Ds di votare no al referendum sulla riforma costituzionale. D’Alema “spesso parla– aggiunge Renzi- ma i risultati della sua azione gli italiani li hanno visti in questi venti anni. Sceglieranno loro se vogliono tornare al passato o se hanno voglia di buttarsi sul futuro. Il superamento del bicameralismo, la riduzione dei parlamentari, stavano già nelle proposte che D’Alema fece. La differenza è che lui non è riuscito a farle diventare legge. Non è l’unica cosa su cui D’Alema purtroppo ha perso l’occasione, pensi al mercato del lavoro: fece un grandissimo discorso nel 1997 sulla necessità di cambiare il mercato del lavoro, e poi non lo fece”.

3 Luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»