Salgono Pil e occupazione in Toscana, avanti tutta verso la ripresa - DIRE.it

Toscana

Salgono Pil e occupazione in Toscana, avanti tutta verso la ripresa

FIRENZE – La Toscana e’ in ripresa e continua un trend economico superiore alla media nazionale. E’ quanto riporta il rapporto sulla ‘Situazione economica’ da parte di Irpet sull’andamento di Pil e occupazione nella regione nel corso del 2014 e dei primi tre mesi del 2015. “La Toscana ha gia’ rallentato la caduta nel corso del 2014, che si chiude con una crescita zero come si dice in economia che e’ interessante anch, perche’ anticipa la ripresa che in Italia verra’ soltanto nel 2015- ha spiegato ai giornalisti il direttore di Irpet, Stefano Casini Benvenuti- nel 2014 l’Italia ha perso uno 0,4%. Il 2015 dovrebbe essere l’anno della ripresa. Noi prevediamo l’1,2% di crescita del Pil, superiore a quello italiano e ancora una volta determinato dalla grande capacita’ di esportare che la Toscana ha manifestato in questi anni”. Un outlook improntato ad un solido ottimismo, ma al tempo stesso con dei timori legati alla situazione internazionale: “Ci sono molte incertezze- ha ammesso Casini Benvenuti- la Grecia, la Russia, i Paesi arabi…. Ecco, in tutto questo clima di incertezza c’e’ una sicurezza, che la Toscana ha mostrato in questi anni. Durante la crisi la nostra regione ha tenuto assai di piu’, perche’ su molti fronti ha tenuto meglio: su quello delle imprese, che hanno saputo esportare e delle famiglie, perche’ in Toscana il livello distrettuale regge ancora. La distinzione fra famiglie e imprese e’ un po’ tenue, per cui gli imprenditori a volte hanno mantenuto nelle imprese un po’ di profitti invece che versarli in famiglia e li hanno utilizzati per fare investimenti, per gestire la liquidita’ e, quindi, hanno tenuto meglio anche per questo”.

lavoro

Sul piano occupazionale a fronte di 520 unita’ in piu’ registrate da Istat nel 2014, “devo dire che nel primo trimestre del 2015- ha proseguito il direttore- il numero e’ un po’ piu’ elevato: si parla di 7.000 nuovi occupati. Un dato un po’ strano ed incerto, pero’, e’ il segno che esiste una leggera ripresa”. Il cammino verso la risalita, peraltro, e’ particolarmente ripido: “La disoccupazione in questi anni e’ passata da 80.000 unita’, il dato del 2008- ha chiosato Casini Benvenuti- alle 170.000 unita’ attuali. Quindi, quello della disoccupazione e’ un problema davvero molto rilevante”. Sullo sfondo, resta la questione delle due velocita’ da parte della Toscana: “A proposito dell’area centrale possiamo dire che abbia, certamente, superato la crisi. E’ la parte di piu’ antico sviluppo- ha sottolineato- dei distretti ma anche della grande impresa. La costa ha dei problemi legati alle grandi imprese e sicuramente e’ piu’ in difficolta’. Credo che gli sforzi vadano sicuramente concentrati su questo territorio”.

3 luglio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»