L'asilo? Entrano prima i bimbi di chi vive in Veneto da 15 anni - DIRE.it

Veneto

L’asilo? Entrano prima i bimbi di chi vive in Veneto da 15 anni

Asilo - bambini

VENEZIA – All’asilo, ma con la ‘precedenza’. La commissione regionale per la sicurezza sociale ha approvato questa mattina il Progetto di legge 61 presentato dal consigliere tosiano Maurizio Conte che prevede l’introduzione di criteri di precedenza per l’accesso agli asili nido a favore di soggetti con un “serio legame con il territorio” della Regione Veneto. Nella sostanza, la norma modifica la legge attualmente in vigore favorendo l’accesso ai servizi degli asili ai cittadini che abbiano la residenza o svolgano la loro attività lavorativa in Veneto ininterrottamente da almeno 15 anni“.

asilo nidoLa norma è stata approvata grazie al voto favorevole dei consiglieri tosiani e di maggioranza, mentre i democratici e i 5 stelle hanno votato contro. Secondo il capogruppo grillino Jacopo Berti, la legge è infatti “una questione palesemente politica” che non porterà a nulla perché “la Corte costituzionale ha già bocciato sei volte il criterio dei 15 anni di residenza“. La legge rispetta la Costituzione, ribatte Conte, che nella sua relazione evidenzia che il giudice delle leggi ha già dichiarato “manifestamente infondata una questione (per l’appunto di legittimità costituzionale) che era stata sollevata in relazione ad una analoga disposizione normativa che la Regione Lombardia ha introdotto nel 2005”.

di Fabrizio Tommasini

3 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»