Scambi con l’estero, a casa di chi? Di famiglie sanmarinesi all’estero

giovaniSAN MARINO – Imparare una lingua straniera mentre si è in vacanza all’estero e dare la stessa opportunità ad un coetaneo: è l’opportunità offerta dal progetto di scambi linguistico-culturali promosso dalla segreteria di Stato all’Istruzione e alla Cultura. In dettaglio il progetto, che rientra nella sperimentazione del plurilinguismo avviata nelle scuole sanmarinesi, è rivolto ad adolescenti dai 14 ai 18 anni che potranno essere ospitati, per due settimane durante l’estate 2016, da parte di famiglie sammarinesi residenti all’estero, garantendo reciproca ospitalità. Obiettivi degli scambi linguistici sono quelli di “offrire l’opportunità di apprendere la lingua parlata nel Paese ospitante, rafforzare lo scambio interculturale garantendo ai ragazzi partecipanti massima serietà e tutela”.

Ogni famiglia partecipante al progetto ospiterà un ragazzo di altra nazionalità e di età uguale o vicina a quella del proprio figlio e avrà il proprio figlio ospitato presso una famiglia sammarinese residente nelle comunità estere: Stati uniti, Argentina, Francia, Belgio per esempio. Ogni famiglia ospitante naturalmente deve garantire vitto e alloggio, essere responsabile dell’incolumità del proprio ospite e coinvolgerlo nelle attività ed esperienze della famiglia. Per avere informazioni sul programma di scambi linguistico culturali, è possibile consultare il sito www.istruzioneecultura.sm.

3 Maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»