Banche, Fraccaro: “Risarciremo truffati, in Cdm no a nuove norme”

"Si affronterà il tema dei decreti attuativi con l’obiettivo di approvarli nel più breve tempo possibile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Governo intende risarcire i truffati delle banche e per questo ha stanziato 1 miliardo e mezzo di euro. Nel Consiglio dei ministri non ci saranno nuove norme ma si affronterà il tema dei decreti attuativi con l’obiettivo di approvarli nel più breve tempo possibile. È un nostro impegno fondamentale e lo porteremo presto a termine”. Lo dichiara il ministro per i Rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta, Riccardo Fraccaro.

CLASS ACTION, FRACCARO: CITTADINI PIÙ FORTI, MAI PIÙ DIRITTI CALPESTATI

“L’approvazione in via definitiva della class action consegna al Paese uno strumento davvero efficace per far valere i propri diritti. Ora i cittadini sono più forti e potranno difendersi dai comportamenti scorretti di gruppi di potere, lobby e aziende senza scrupoli”. Lo afferma il ministro per il Rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta, Riccardo Fraccaro, che aggiunge: “Siamo orgogliosi di aver portato a compimento una delle battaglie storiche del M5S. Da sempre, infatti, ci siamo battuti per dotare il nostro Paese di un provvedimento serio che aumentasse le tutele dei consumatori, specialmente quelli più deboli”.

“Oggi tutto questo è realtà e consentirà al popolo di difendersi dai soprusi dei potenti, di chi vuole calpestare i diritti, di chi pensa di farla franca in nome del profitto. Grazie a questa legge- conclude Fraccaro- non sarà più possibile calpestare i diritti, perché vengono tutelati gli interessi dei cittadini e delle imprese che lavorano in maniera onesta e trasparente”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»